martedì, Novembre 12

Renzi – Grillo: quando la faccia è come il c….. Il cinismo e la faccia di bronzo di Renzi sono inarrivabili, e poi l’abbinamento fantastico con Grillo, che usa il linguaggio e i modi che aveva stigmatizzato all’epoca dei ‘Vaffa!’

0

Avevo concluso il mio articolo di venerdì scorso, parlando di Matteo Renzi e del pericolo che avrebbe potenzialmente rappresentato per il PD, in quanto, intenzionato come è, ed è sempre stato, a riprendersi di forza la segreteria e a fare accordi con Berlusconi e, insomma, a fare il centrista, avrebbe messo in difficoltà il PD, con il suo cinismo egocentrico.
Pensavo, dunque, che avrebbe fatto subito il diavolo a quattro (come i suoi colleghi e ex colleghi, vedi il solito Carlo Calenda) contro qualsiasi ipotesi di accordo con gli odiati stellini. Anzi, cercavo di dare un contenuto accettabile (che errore!) al suo discorso, dicendo che comunque con gli stellini di Di Maio parlare non si poteva, che, insomma, un fondo di ragionevolezza politica c’era nel suo discorso.

Ho sbagliato, chiedo scusa. Ho completamente sottovalutato il livello di cinismo, di indifferenza per gli interessi nonché del Paese del partito -ma non dei propri, non dimentichiamo mai che lui è uno dei troppo nostri ‘politici’ senza arte né parte: senza politica farebbero la fame! E avevo immaginato che avesse accanto e di fronte, specie di fronte, sì dei pagliacci da avanspettacolo, ma dotati di un minimo (per carità, minimissimo) di dignità, con riferimento, in particolare agli stellini, al contro-stellino e al super stellino e, tra coloro che dovrebbero essere accanto (in quanto del medesimo partito, almeno ufficialmente) alcuni decisi a mantenere una linea di coerenza.
Nel bene o nel male, infatti, è innegabile che un negoziato con gli stellini da parte del PD oggi come oggi sarebbe impossibile, politicamente impossibile, tanto più che lo stesso Giggino, sempre lucido e modesto, aveva avvertito che col PD non voleva avere né ora né mai nulla a che fare. Ricordate? avevo scritto che dunque, bisognava prima cacciare Di Maio (e Dibba, non dimentichiamolo) e poi, solo poi si sarebbe potuto discutere di un accordo con ‘quelli là’.

Infine, a completare il mio errore (sono proprio un inguaribile ingenuo) avevo immaginato che Nicola Zingaretti, non vedesse l’ora di andare ad elezioni per liberarsi dei renziani invadenti e arroganti (cioè tutti) per ricominciare a fare politica. Avevo anche ipotizzato che, in presenza di una non schiacciante vittoria di Salvini (cosa che credo ancora possibile) alla fine il PD avrebbe avuto più del 22/25% e quindi avrebbe, questa volta da una posizione accettabile, potuto negoziare con gli stellini, e mettere nell’angolo Salvini, specie se Berlusconi avesse deciso di non fare la spalla di Salvini.
Avevo sbagliato, dico.

Il cinismo e la faccia di bronzo di Renzi sono inarrivabili. E dunque che ti fa, il non-segretario che ha promesso fedeltà e non aggressione al Segretario? Senza dire niente a nessuno (salvo, certo, Luca Lotti e Maria Elena Boschi, d’ora in avanti Lottoschi, che ha un vago fascino russofilo … hai visto mai!) ha preso carta e penna e, fregandosene delle regole del partito, di quelle della decenza e di quelle della buona educazione, ha proposto, lui direttamente, agli stellini un accordo in funzione antisalvini: cioè, esattamente quello che aveva fatto in modo di impedire dopo le elezioni, e proprio con quel tizio, del quale diceva peste e corna. Prova, cioè, ad accordarsi, lui direttamente, con gli stellini, scavalcando il partito, la sinistra, tutto. E mi pare ovvio: ha un così bell’ufficio al Senato, che fa ci rinuncia? Poi, naturalmente, scoperto con le dita nella marmellata ha negato tutto, lasciando la responsabilità a Lottoschi. E, infine, ha fatto la proposta ufficialmente: una coerenza e una franchezza di un lindore abbacinante!

Eh sì, è vero, sono cambiate molte cose. Renzi sa benissimo che se si va alle elezioni, lui (finalmente!) non conterà più nulla nel partito e sa altrettanto bene che Zingaretti (non che di pelo sullo stomaco ne abbia molto di meno, ma almeno è il Segretario vero) vuole le elezioni in fretta principalmente per toglierselo di torno. Però Renzi mica demorde; nega tutto, ma dice che si deve fare un Governo provvisorio (subito complimentato da Roberta Lombardi, altra testa più lucida degli stellini, tranquilli è il momento che ne spunterà una al giorno) per approvare almeno … la riduzione dei parlamentari e poi un Governo con gli stellini che duri almeno un anno … come la carne di cattiva qualità nel freezer! Ma tu guarda un po’ i casi della storia: le stesse cose della sua proposta di sfascio della Costituzione, solo fatta in modo surrettizio e con il sostegno del ‘politologo’ Giggino da Pomigliano. Ne ho già detto per spiegare perché sarebbe uno ‘sbrego’ grave, inutile tornarci su.

Ma, quanto a cinismo è, sono, in buona compagnia. E dunque Beppe Grillo (il comico, finora fortunatamente silente) fa lo stesso, e si mette a sbraitare che si deve fare un Governo provvisorio per fregare Salvini, o meglio ‘i nuovi barbari’, con l’entusiastico immediato consenso di Marco Travaglio.
Un Governo provvisorio si può fare solo col PD, lo abbiamo capito tutti, mica proprio gonzi siamo! E lo si deve fare per ‘mandare a casa i nuovi barbari’, cioè quelli con i quali si è spartito il sonno fino ad oggi, il sonno e i posti e le poltrone e quant’altro. Posso fare una citazione, comico Grillo? se ha il copyright mi dica quante le debbo! ‘Vaffa’!

E a quel punto, mentre si svia l’attenzione della gente parlando di una inesistente staffetta Dibba Di Maio, e di una nuova regola sul mandato doppio-zero, Grillo (col suggeritore Casaleggio alle spalle, guarda un po’) parla di governo di transizione eccetera: adotta cioè esattamente quel linguaggio e quei modi che aveva stigmatizzato all’epoca dei Vaffa!’, et voilà, il gioco è fatto: Grillo e Renzi, Di Maio e Lottoschi eccoli lì pronti a trattare e a baciarsi e abbracciarsi, lasciando Zingaretti a leccarsi un ghiacciolo.

Ma al peggio non c’è mai fine, perché all’improvviso il sempre triste Giuliano Pisapia (e fallo un sorriso una volta, su!) non proprio ufficialmente amicissimo di Renzi e rimesso in mezzo proprio da Zingaretti, salta sul carro grillenziano e si dice d’accordo. E per di più, Zingaretti (hai visto mai che uno è chiaro e limpido) manda avanti la stupefatta De Micheli a dire che no, non se ne parla … poi si può sempre dire che la ragazza aveva bevuto.
Sorvolo, anche perché col caldo che fa ridere troppo fa sudare, sorvolo, dico, sulle attente e pensate parole del politologo (qui ormai basta che ti danno una seggiola usata alla Sorbona o alla LUISS e, male che vada, diventi un politologo di vaglia, un caposcuola!) Gianni Letta, che elucubra sulla razionalizzazione di questo pasticcio, in attesa di non so quale premio alla sua bravura.

E vogliamo parlare male di Salvini?

Mah, sì ne parlerò male la prossima volta, e cercherò anche di analizzare più a fondo le scelte politiche possibili. Ma lo sconforto è grande.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Giancarlo Guarino, ordinario, fuori ruolo, di diritto internazionale nell’Università degli Studi di Napoli Federico II, è autore di numerose pubblicazioni su diverse tematiche chiave del diritto internazionale contemporaneo (autodeterminazione, terrorismo, diritti umani, ecc.) indagate partendo dal presupposto che l’Ordinamento internazionale sia un sistema normativo complesso e non una mera sovrastruttura di regimi giuridici gli uni scollegati dagli altri.