martedì, Luglio 7

Questo mondo evanescente Datemi un selfie e conquistero il mondo... o magari no!

0

Ma che mondo è (o meglio, è diventato) se si fanno selfie pure in pericolo di vita e addirittura per annunciare la propria morte. Se si manda un tweet per confessare un abbandono, oppure per riferire di un decreto legge o magari di essere diventato padre.

Se si fa televisione come le iene che sbavano dietro a una Ministra o se diventano sacre le ‘opinioni’ di personaggi senza opinione oltretutto su programmi che non meritano opinioni.

Se diventano notizia le randellate della santorina costamagna (notare il minuscolo) contro tutto e contro tutti, comprese alcune persone di ben altro livello, o si aprono discussioni accese sul gossip della Lucarelli che illumina sulle corna altrui (almeno lei gioca) e se, soprattutto, si rilanciano le scemenze di una ragazzina viziata come la innocenzi (ma chi è?) sulle casalinghe, senza ovviamente sapere niente di casalinghe, di lavoro e di vita.

Per non parlare delle mascherine dedicate alla farfallina di belen oppure della follia recente di considerare patrimonio dell’umanità un tizio appena buono di gambe, manco fosse Pompei.

So di sicuro che non mi piace: e voglio scendere.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore