domenica, Gennaio 24

Quali novità vi sono nel poliedrico mondo dei Bitcoin Emerite organizzazioni come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca dei Regolamenti Internazionali, hanno ripetutamente affermato che le banche centrali dovrebbero iniziare a sviluppare le proprie criptovalute

0

Il termine Bitcoin descrive due cose diverse. Da un lato il sistema valutario completo, che consiste in una rete globale con molti partecipanti, e, dall’altro, le singole unità monetarie in esso contenute. Il Bitcoin, che è abbreviato ufficiosamente come BTC, attualmente, ha un particolare stato legale, visto che non è stato ancora riconosciuto da nessun Paese del mondo.

Sebbene il sistema Bitcoin sia una valuta digitale, ha molteplici somiglianze con i sistemi valutari esistenti. Infatti, Bitcoin vuole anche adempiere alle funzioni di base del denaro. Il denaro è sempre stato utilizzato per scambiare beni e servizi. Al giorno d’oggi, la maggior parte delle transazioni monetarie viene già ad essere effettuata elettronicamente. Ma prima della digitalizzazione, monete e banconote erano i mezzi di pagamento più comuni. Prima ancora, è stato consuetudine per molto tempo barattare con merci o in natura.

La valuta virtuale Bitcoin funziona come un sistema di contabilità collettiva. Una sorta di libro contabile globale, ove viene ad essere registrata ogni transazione ed è, anche, il luogo in cui si trova ogni moneta virtuale. Un Bitcoin, quindi, esiste solo nel computer, ma il sistema garantisce che il numero totale di monete sia limitato e nessuno possa falsificarle o addirittura essere speso per due volte. In questo modo, il collettivo di utenti si protegge da individui singoli e malintenzionati.

Di conseguenza, finché la maggioranza degli azionisti è interessata all’affidabilità della moneta, nessuno potrà pensare di poter intervenire per manipolare la contabilità. I Bitcoin compaiono solo come parte delle transazioni in questo sistema di contabilità globale. Una transazione, nel contesto della valuta peer-to-peer, è un messaggio a tutti gli altri clienti della rete che esprime l’intenzione di inviare denaro da un indirizzo Bitcoin a un altro.

Ogni utente può creare un numero qualsiasi di tali indirizzi e cercare gli importi tra di loro. Quale indirizzo può avere quanti Bitcoin, è derivato dalla cronologia delle transazioni pubbliche, che può essere controllata da ogni partecipante alla rete. Ciò mostra quale Bitcoin è fluito, dove è stato creato, e ne consegue quanti Bitcoin può avere ciascun indirizzo.

Come correttamente evidenziato anche dal Bitcoin up sito, come nuova tecnologia, porta a domandarsi cosa vi sia di realistico nel futuro di Bitcoin o, per essere ancora più esaustivi, il Bitcoin sarà il denaro del futuro?

Seppure questo tema si particolarmente avvincente è, tuttavia, oggettivamente non facile il poter immaginare, il più realisticamente possibile, quale possa essere il futuro dei Bitcoin. Ad esempio, il rapido sviluppo del mercato dei derivati ​​crittografici, che si basano principalmente su Bitcoin, è percepito positivamente dalla comunità perché attraggono investitori istituzionali ma, al contempo, non contribuisce completamente a soddisfare un mercato rialzista.

Nel corso del 2020 si è assistito ad importanti cambiamenti, attraverso i quali si è andato a delineare un futuro prossimo dei Bitcoin. In linea generale, al fine di poter comprendere il futuro dei Bitcoin e delle altre criptovalute, è da ricordare che nessuna di esse si sviluppa solo in termini di prezzo. Ad esempio, le valute nazionali e i derivati ​​aprono nuove prospettive per il mercato dei Bitcoin e delle criptovalute.

È, comunque, da annotare che è stato ampiamente riconosciuto il loro poliedrico potenziale. Non per nulla, emerite organizzazioni come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca dei Regolamenti Internazionali, hanno ripetutamente affermato che le banche centrali dovrebbero iniziare a sviluppare le proprie criptovalute.

Quindi, in futuro possiamo aspettarci una valuta digitale globale unificata. Ad esempio, nell’ottobre 2019, la Banca dei Regolamenti Internazionali ha ospitato il primo vertice della banca centrale del G20 per discutere l’dea di una criptovaluta globale. Inoltre, in Svizzera, la Banca dei Regolamenti Internazionali, insieme alla banca centrale del paese, andando a concludere, ha già creato un centro per lo sviluppo di un marchio di regolamento uniforme tra le banche centrali mondiali.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore