lunedì, Luglio 22

Qatar, braccio di ferro senza fine. E i mercati tremano

0

Il Qatar continua il suo braccio di ferro con i Paesi del Golfo. Consegnato all’emiro del Kuwait la sua risposta ufficiale alle 13 richieste avanzate da Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Yemen, che hanno rotto i rapporti diplomatici con Doha.

Sul contenuto della risposta non si hanno ancora informazioni, ma è molto probabile che sia negativa. I Paesi arabi che hanno lanciato la sfida al Qatar avevano concesso una proroga di 48 ore dell’ultimatum e tra le richieste avanzate c’era anche la chiusura dell’emittente panaraba Al Jazeera e l’interruzione dei rapporti con l’Iran.

C’è tensione per l’evoluzione della situazione Qatar, in particolare sui mercati finanziari: l’ipotesi più ragionevole riguarda proprio sanzioni economiche a Doha, che potrebbero avere pesanti ricadute anche sul mercato del gas liquido, del quale il Qatar è massimo produttore mondiale. Intanto nel Paese l’economia comincia a soffrire. Tra i settori più colpiti quello della pesca.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.