domenica, Dicembre 8

Putin accelera per il ponte in Crimea I lavori di costruzione sono iniziati nel febbraio 2016 e l'infrastruttura sarà aperta al traffico stradale quest'anno secondo le previsioni

0

Il ponte tra Crimea e Russia sarà pronto anche per maggio. A dirlo il presidente Vladimir Putin, che così non ha escluso che possa essere aperto al traffico automobilistico prima del previsto. «Certo, mi piacerebbe che la gente potesse usarlo già nella stagione estiva», ha detto Putin.

I lavori di costruzione per il ponte in Crimea sono iniziati nel febbraio 2016 e l’infrastruttura sarà aperta al traffico stradale quest’anno secondo le previsioni, mentre la sezione ferroviaria sarà pronta nel 2019. La capacità del ponte è di 40mila auto e 47 coppie di treni al giorno, ovvero 14 milioni di passeggeri e 13 milioni di tonnellate di merci all’anno. Sarà lungo circa 19 chilometri e si stima che costerà in tutto 3,2 miliardi di euro.

Una volta completato sarà l’unico ponte fra Russia e Crimea, che al momento sono collegate solamente per via aerea e marittima (con un traghetto che viene frequentemente cancellato per il brutto tempo). La Russia spera che l’apertura del ponte rafforzi i legami commerciali e turistici con la Crimea, che la comunità internazionale considera ancora come parte dell’Ucraina.

(video tratto dal canale Youtube di Fort Rus)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore