sabato, Giugno 6

Puerto Rico: Elon Musk, protagonista della ricostruzione La proposta: batterie di ioni e pannelli solari per dare energia elettrica all isola

0

La distruzione del sistema elettrico di Puerto Rico potrebbe essere l’ occasione per fare un passo in avanti in tema di energia? A seguito delle devastazioni causate dall’uragano Maria, al momento, solo il 15% dell’isola ha elettricità. Ripristinare l’ intera rete elettrica formata da impianti di combustione diesel potrebbe richiedere addirittura anni.

Ma i problemi sono oggi. A Puerto Rico, gli ospedali sono stati evacuati. L’economia dell’isola è praticamente ferma. Quotidianamente vi sono rischi per la vita. In questa crisi, arriva Elon Musk, fondatore di Tesla. Come spiega nel video, Musk avrebbe già iniziato ad inviare delle batterie Tesla a Puerto Rico, per essere installate con impianti solari, come misura di emergenza per fornire elettricità alle strutture fondamentali.. Anche la  Sonnen, una società tedesca con diversi stabilimenti negli Stati Uniti, sta installando sistemi solari e di stoccaggio a Puerto Rico, soprattutto presso i rifugi di emergenza.

Queste installazioni potrebbero garantire l’ elettricità sufficiente ad alimentari i telefoni cellulari, le luci. Musk avrebbe dunque intenzione di reimpostare la rete di Puerto Rico con l’accumulo di energia solare e di batterie, scardinandola dalla precedente configurazione e rendendola più indipendente e meno costosa. E questo potrebbe essere realizzato nel giro di poco tempo, come è stato fatto sull’ isola di Samoa. La differenza tra le due tipologie di impianti starebbe nel fatto che in quelli proposti da Musk le batterie e i pannelli solari possono essere situati più vicine ai clienti e questo rende sempre meno indispensabile la centrale elettrica.

Le batterie agli ioni combinate con il solare in loco possono fornire grandi resistenze energetiche oltre che ridurre le bollette elettriche, incentivando investimenti e l’ iniziativa economica. 

(Video tratto dal canale YouTube Breaking News 24/7)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore