giovedì, Luglio 2

Profumo (Leonardo) ha ragione. Anche questa è politica La polemica a distanza tra Leonardo e Confindustria impone un ragionamento sulla responsabilità degli ‘Uomini di Stato’ e degli ‘Uomini di industria’

0

In questa settimana si è accesa una polemica sulle parole pronunciate dal CEO di Leonardo (ex Finmeccanica), Alessandro Profumo, sulle dichiarazioni del nuovo Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi.

Bonomi negli scorsi giorni ha detto «Questa politica rischia di fare più danni del Covid», non solo, in occasione degli Stati Generali dell’Economia, convocati dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Villa Pamphili, Bonomi ha più volte criticato le azioni dell’Esecutivo provocando qualche malumore anche tra i suoi stessi alleati confindustriali.

Alessandro Profumo, in occasione di una domanda sulle dichiarazioni di Bonomi, risponde e ne riportiamo virgolettato «Nella gravità della situazione anzi, in virtù di essa siamo di fronte alla possibilità di ridisegnare la politica industriale del Paese, all’insegna di un nuovo rapporto tra pubblico e privato, capace di orientare gli investimenti strategici sui settori chiave dell’economia del futuro. La mano invisibile del mercato e la mano visibile dello Stato devono tornare a lavorare insieme, quest’ultima con l’obiettivo di creare quel contesto di infrastrutture e tecnologie abilitanti capaci di liberare tutta l’energia dell’iniziativa privata. È il cuore di quella che Adam Smith identificava come la Ricchezza delle Nazioni», parole che sono state pubblicate sul portale della Fondazione Leonardo.

Ad una dichiarazione al ‘Tg2’ Alessandro Profumo approfondisce telegraficamente con Non condivido la posizione di Bonomi. E’ facile criticare da fuori. Ad oggi, torno a dire, non ho capito quale sia la proposta di politica industriale.Certamente ci sono tantissime difficoltà. Credo che non sia il momento di usare un vocabolario che io definisco del ‘900, di recriminazione”. Troppo duro? “Non è un problema di durezza, lo trovo vecchio. Che secondo me è anche peggio.

Ed è proprio qui che ci soffermiamo. Con questo articolo non vogliamo polemizzare con nessuno dei due litiganti, né, tanto meno, fare da terzi e godere, ma indicare e dare un’interpretazione (secondo il sottoscritto) di quello che un uomo di poltrona pubblica deve anche fare e, nella responsabilità di vertice di una partecipata di Stato, saper ben equilibrare ogni attacco e polemica.

Chi ci legge da anni sa che con FederPetroli Italia non abbiamo mai risparmiato di criticare o elogiare i Governi o qualche politico, nel bene e nel male dell’operato, lì dove c’è ne stata necessità ed esigenza, non ci siamo mai risparmiati anche di attaccare, industrialmente parlando, qualche società petrolifera per delle politiche industriali errate, nonostante siano il nostro pane quotidiano. Ma c’è anche una condotta da mantenere ed il più delle volte si chiama Responsabilità’.

Sia chiaro che ogni individuo è libero di dire quel che crede, nonostante le posizioni sociali che occupa, ma è anche vero che i continui attacchi e lamenti non portano a niente.

Covid-19, nessuno poteva immaginarlo, lo sappiamo tutti, nonostante si dica di scienziati e professoroni che sapevano, si poteva anticipare un lockdown, ma scampare a questa ondata epidemica penso proprio di no.

Quindi nessuno era pronto, non solo Giuseppe Conte e tutta la squadra di Governo, neanche l’America, neanche la Spagna, neanche il Brasile…..quindi non è una situazione italiana.

Frasi che ricorrono ormai giornalmente “…ma i nostri politici……” e via con tutte le più grandi accuse. Pensate che all’estero queste lamentele non ci siano?

Non confondiamo, però, gli stipendi dei parlamentari ed i privilegi con il Covid-19, perché altrimenti con una rabbia chiamata Coronavirus andiamo a mettere nello stesso calderone gran parte di nostri pensieri e, in questo caso nel Paniere Covid-19, ci mettiamo anni di opinione pubblica che è scontenta di governi e governicchi.

Se ci fosse stata al governo la Destra sarebbe stato lo stesso, se ci fossero stati altri non cambiava nulla. Questa situazione sarebbe stata difficile per tutti, e le conseguenze non le stiamo pagando solo noi, le criticità ci sono in tutto il mondo.

Quindi Bonomi, che non è un uomo di Stato,bensì di Industria, poteva essere più cauto, anche perché qualcuno potrebbe dire E’ se ci fosse stato Bonomi al posto di Conte?”.

Un grande giornalista italiano mi ha sempre detto ed insegnato che non bisogna gioire delle disgrazie altrui, lo sappiamo ovviamente sin da bambini, ma attaccare un Esecutivo, un CEO, o qualcuno in una situazione di difficoltà politica o personale, l’azione vale zero.

C’era bisogno che Bonomi nell’esercizio delle sue funzioni come rappresentante di Confindustria pronunciasse quelle parole proprio oggi?

A chi me l’ha chiesto in questi giorni rispondo: sono d’accordo con Alessandro Profumo senza ombra di dubbio.

Bisogna rimodernarsi nel dialogo,nell’approccio, nella dialettica, non si può fare sempre l’opposizione di qualcuno per prassi. Siamo nel 2020 ed il mondo va cambiato, le parti sociali devono cambiare, c’è bisogno di essere costruttivi.

Ma nella situazione c’è bisogno anche di essere Uomini di Stato, e, in questo caso, Profumo rappresenta lo Stato, con Leonardo ex Finmeccanica rappresenta in Italia ed all’estero il nostro Paese, nel settore di competenza e, non dico che deve difendere lo Stato ed il Governo, ma deve essere un braccio portante.

Chiariamoci, non vuol dire che se sono stato nominato su una poltrona pubblica, devo dire sì a tutti e fare il servo di qualcuno, ma, ho anche il dovere di essere una persona di fiducia.

Immaginate voi un’azienda di Stato che va contro lo Stato, sarebbe una figura pessima per un Paese.

La Politica signori è anche questa, saper fare squadra, saper fare casta e saper essere un uomo di fiducia.

A chi mi ha chiesto in queste settimane: Presidente le sembra giusto che ci sia Vittorio Colao con migliaia di consulenti?” Ho risposto: “E’ Politica anche questa. Però ognuno ha le proprie idee di come vanno e come dovrebbero andare le cose…”.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Michele Marsiglia è presidente della FederPetroli Italia. Da più di 20 anni si occupa di progetti strategici nell’Oil & Gas internazionale. Oltre agli studi Economici Aziendali, durante la Crisi Asiatica del 1997 perfeziona la propria esperienza alla Borsa di New York (New York Stock Exchange) sulle analisi dei principali Mercati Finanziari internazionali con particolare riferimento agli strumenti derivati Futures, scambiati sulla piazza merci di Chicago. Inizia la sua carriera negli Approvvigionamenti Strategici in Outsourcing, approdando dopo alcuni anni all’Agip Petroli (oggi ENI Group) per poi gestire alcuni processi di sviluppo per importanti Raffinerie e Società Petrolifere. Da anni la sua figura è chiamata a rappresentare aziende dell’indotto industriale per Agreement strategici e di Relazioni. Fondamentale il suo coinvolgimento in Libia e in parte del Medio Oriente con particolare riferimento ai nuovi giacimenti di petrolio e gas Offshore e Onshore. Fu l’unico membro con FederPetroli Italia a relazionare in Audizione alla Camera dei Deputati con l’allora A.D. di ENI Paolo Scaroni sulla delicata situazione della nascente crisi libica nel 2011 e la verifica degli Asset Strategici nel paese nordafricano. Ha dato vita nel 2009 a “Operazione Trasparenza” iniziativa per spiegare nel nostro paese che cosa vuol dire Petrolio e Gas. E’ Consulente di Direzione ed Advisor Board per i Rapporti Istituzionali di importanti aziende petrolifere e del Non-Oil. Docente in diversi corsi di specializzazione (post diploma e post-laurea) con collaborazioni in diverse Università. Membro di Comitati Scientifici negli Organismi di studio geopolitico, da anni affronta le tematiche del Medio Oriente e del Continente Africano focalizzando l’interconnessione delle dinamiche economiche, politiche e del dialogo interreligioso nonché esperto delle nuove tecniche di ricerca petrolifera attraverso il Fracking, sviluppate principalmente negli U.S.A. È chiamato come relatore a conferenze e seminari in ambito internazionale, oltre ad essere presente con propri articoli e pareri tecnici sulla principale stampa nazionale e straniera. Complessivamente è autore di numerose pubblicazioni (papers, articoli), il suo nome appare spesso in articoli pubblicati sui principali media internazionali e nazionali, è spesso ospite in trasmissioni televisive e radiofoniche. Definito da tanti un’abile lobbista, in realtà ha sempre dichiarato: ‘’….prendo caffè in giro per il Mondo e stringo mani…...tutto qui’’.