domenica, Settembre 20

Processo corruzione legato a Catalogna libera field_506ffbaa4a8d4

0

Non si può pensare ad un processo politico svincolato a quello economico nell’ambito della secessione della Catalogna. Così commenta alla emittente ‘DW’  l’analista politica Gemma Casadevall la decisione del parlamento catalano di avviare un processo di sovranità popolare diverso dal passato. Se approvato dal 80% il processo di secessione sarebbe irreversibile, come afferma l’analista stessa, parlando del referendum popolare per l’indipendenza economica e politica della Catalogna. Tale secessione prevede una struttura governativa e una prefettura del tutto autonome. I membri del Partito Repubblicano catalano sono a favore di una economia indipendente dal Governo di Madrid e quindi dalla Spagna. Mariano Rajoy aspirava ad elevare in alto l’economia spagnola e quindi ha usato anche forme dittatoriali e impositive nel suo Governo che hanno facilitato tale decisione di possibile recessione politico-economica dalla Spagna e la lotta per riaffermare la democrazia in Spagna, tramite appunto l’indipendenza. Mariano Rajoy è legato indissolubilmente a tale riforma economica e sta facendo opposizione a tale recessione della Catalogna perché tale regione spagnola rappresenta un’alta fonte di profitto, economicamente parlando. Rajoy sperava di vincere la corruzione in Spagna, ma è assai probabile che una volta resa indipendente, tramite recessione la Catalogna, quei leader corrotti si riversino facilmente nel nuovo governo indipendentista catalano, avendola vinta sul processo legale, istituito da Rajoy, vista l’immunità come politici.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘DW’, in lingua spagnola)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore