giovedì, Giugno 20

Prestiti online in continuo aumento: 126 milioni di euro erogati nel 2018 Vengono preferiti sempre più spesso alle normali modalità di finanziamento perché sono più economici, più comodi e veloci

0

Continua a crescere la fiducia degli italiani nell’economia italiana: a causa del lieve aumento del PIL, che ha permesso un miglioramento delle condizioni finanziarie, molti hanno ricominciato a chiedere prestiti. Come testimoniato dai dati di settore, il 2018 ha visto un vero e proprio boom nel settore dei finanziamenti, in particolar modo quelli richiesti online. Vediamo quindi in che modo la spinta data dal digitale si sta rivelando fondamentale per questo settore.

La situazione dei prestiti in Italia

Secondo i risultati dell’analisi condotta dall’Osservatorio Prestiti, l’importo medio erogato ha superato gli 11.200 euro, registrando un aumento di circa 200 euro rispetto allo scorso anno. Appare in crescita anche il numero di richieste (+9,3% alla chiusura del 2017) e la loro durata media, soprattutto per quanto riguarda le fasce che vanno dai 96 mesi ai 120 mesi (3,8% e 6,1%); l’opzione preferita dagli italiani resta però quella che prevede la restituzione dell’importo entro 60 mesi, che arriva al 21%.

Quali sono le caratteristiche degli italiani che richiedono prestiti e come vengono utilizzati i soldi erogati tramite finanziamento? Dai dati di settore emerge che il richiedente medio rientra nella fascia d’età che va dai 36 ai 45 anni, risiedente al Nord, con lavoro autonomo e un reddito annuo di circa 20mila euro; per quanto riguarda le finalità, quella principale è la ristrutturazione degli immobili, seguita dall’acquisto di autovetture e dal sostenimento delle spese per le vacanze.

La rapida ascesa dei prestiti online

Nel 2018 si è verificato un raddoppiamento delle cifre erogate tramite i prestiti online: per quest’anno si parla infatti di ben 126 milioni di euro erogati, a dimostrazione del peso che sta avendo questa modalità di finanziamento all’interno dell’intero comparto.

I prestiti online proposti da istituti di credito digitali come Younited Credit, ad esempio, vengono infatti preferiti sempre più spesso alle normali modalità di finanziamento, prima di tutto perché sono più economici (in quanto le banche che li erogano hanno spese di gestione molto minori) e risultano decisamente più comodi e veloci, non richiedendo la presenza nelle filiali fisiche.

Uno dei dubbi che hanno maggiore peso in fase di scelta tra le diverse tipologie riguarda la sicurezza online: a tal proposito, basta però sapere come difendersi da eventuali rischi ed eliminare così ogni titubanza relativa a questa modalità di finanziamento.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore