giovedì, Agosto 6

Preservare l’integrità e l’unicità della Libia, una e una sola per tutti Libyan Youth Conference for Peace and Construction: I giovani libici chiedono pace e stabilità per la costruzione di un futuro che rispetti i diritti di giovani uomini e donne, nonché la loro dignità

0

Nella splendida cornice dell’Hotel Laico ad Hammamet, in Tunisia, si sono riuniti, ieri, oltrecento giovani provenienti da tutte le città libiche dell’est, ovest e sud del Paese nordafricano sotto l’ombrello dell’iniziativa ‘Libyan Youth Conference for Peace and Construction’. La Conferenza è stato un momento di incontro per parlare di pace e affrontare le questioni che impediscono il raggiungimento della stabilità, tanto necessaria per la costruzione dello Stato.

Lontano dal conflitto politico, i giovani libici di Tripoli, Bengasi, Misurata, Agedabia, Zuara, Bint Biya, al-Beida, Bani Walid, Msallata, Tawergha, Ghat, Sabha, Aubari ed altre città, si sono concentrati sui problemi condivisi, i bisogni e le aspirazioni sotto tutti i punti di vista, dal sociale, umanitario e della sicurezza. Il dialogo è stato caratterizzato da uno spirito costruttivo e maturo che ha evidenziato come i libici sono coinvolti in un conflitto che non appartiene loro.

Cosa ci riunisce qui oggi è la ripresa del sogno della gioventù libica, che si basa su una completa trasparenza, prendendo in considerazione che siamo stati creati diversi per completarci a vicenda. Siamo stati creati come popolo e tribù per conoscerci l’un l’altro, come menzionato nel sacro Corano”. Ha detto il presidente della Conferenza, Ahmed al-Khatib, durante il suo discorso d’apertura, prima di spiegare lo scopo dell’iniziativa: “inviare al mondo un messaggio d’amore e di pace, con il quale affermiamo la nostra volontà e determinazione, per guidarci verso un futuro migliore per la Libia e per i suoi giovani”.

Il dibattito ha evidenziato la necessità condivisa di un reale cambiamento, un desiderio di vivere insieme pacificamente che è concretamente fattibile. “Il conflitto riguarda solamente i politici, non la gente comune”. Ha dichiarato Bashir Sheik, capo dell’organizzazione La rabbia del Fezzan.
Non sono mancati i momenti confronto circa la situazione attuale. “Malgrado le differenze, possiamo sederci, parlare e risolvere i nostri problemi da soli. Diamo l’esempio a tutti i politici e le diverse classi all’interno della Libia che noi siamo in grado di dialogare, siamo un vero messaggio di pace in Libia e nel mondo”. Ha detto uno dei partecipanti.

La conferenza ha indicato come priorità la costruzione di un futuro che rispetti i diritti di giovani uomini e donne, nonché la loro dignità. È stata confermata l’importanza di preservare l’integrità e l’unicità della Libia, una e una sola per tutti, nonché la necessità di politiche nazionali che proteggano i giovani da tutte le forme di discriminazione e ed esclusione che generano sentimenti di frustrazione e che il programma economico e sociale includa disposizioni sulla salute e l’emancipazione dei più giovani. La Libyan Youth Conference for Peace and Construction si è conclusa con un panel sull’anti-corruzione.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore