domenica, Marzo 24

Philips cambia le sue quotazioni in borsa

0

La storica società di elettronica Philips ha ufficializzato la separazione delle sue quotazioni in borsa di cui il 25% sarà destinato alla sezione ‘illuminazione’, vale a dire la produzione di lampadine che ha reso grande l’azienda, della Borsa di Amsterdam. Tale suddivisione permetterà alla multinazionale olandese di potersi dedicare al meglio ai prodotti elettronici per la cura della persona, come phone, spazzole ed epilatori maschili e femminili, che rappresentano oltre i due terzi delle sue entrate. Il settore dell’energia elettrica manterrà non solo il marchio Philips, ma potrà avere a sua disposizione i brevetti di settore che hanno reso la società fino ad oggi leader nel campo dell’illuminazione. Secondo gli esperti il valore complessivo del settore delle cosiddette ‘lampadine’ vale 5 miliardi di euro, somma considerevole per il 25% di quotazioni rappresentato da questo apparato. Gli ultimi dati risalenti al 2011 evidenziavano circa 121.000 di dipendenti per il colosso di Amsterdam presenti in oltre 60 Paesi.

Il nome come completo dell’azienda è Koninklijke Philips Electronics N.V. (vale a dire Reale Philips Elettronica)  ed è stata fondata del 1891 ad opera dall’omonimo Gerard Philips e dal padre Frederik. La loro principale produzione iniziale fu appunto improntata sulle lampadine elettriche e veniva svolta nell’allora stabilimento di Eindhoven, attualmente trasformato in un museo.

 

(Fonte video tratta da canale YouTube ‘Euronews Business‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore