martedì, Ottobre 20

Perù: tutti contro la grazia per l’ex presidente Fujimori L'uomo sta scontando una condanna a 25 anni per violazione dei diritti umani, corruzione e sostegno alle squadre della morte

0

Migliaia di persone sono scese in piazza a Lima, in Perù, per protestare contro la grazia concessa all’ex presidente, Alberto Fujimori. L’uomo sta scontando una condanna a 25 anni per violazione dei diritti umani, corruzione e sostegno alle squadre della morte.

L’ex leader con un video postato su Facebook dalla sua camera d’ospedale, dove è ricoverato da sabato per un abbassamento della pressione, ha chiesto «scusa dal profondo del cuore» ai peruviani, dicendosi pronto a sostenere il processo di pacificazione nazionale avviato dal nuovo presidente. «Sono consapevole che i risultati sotto il mio governo sono stati, in parte, ben accolti, ma riconosco che ho anche deluso una parte dei miei connazionali. Chiedo loro perdono dal profondo del cuore», ha dichiarato Fujimori.

Tanti gli slogan anche contro l’attuale presidente del Perù, Pedro Pablo Kuczynski, ha negato di aver concesso la grazia come parte di un accordo con il suo partito per evitare il proprio impeachment, per aver ricevuto pagamenti illegali dal gigante edile brasiliano Odebrecht. Ma ha riconosciuto la rabbia per la sua decisione e confermato che non poteva «permettere a Fujimori di morire in prigione».

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.