martedì, Agosto 4

Perito Moreno, la spettacolare rottura del ghiacciaio Si tratta della terza riserva d'acqua dolce del pianeta dopo le calotte polari. L'ultimo episodio nel 2012

0

Immagini spettacolari giungono dall’Argentina, precisamente dal Parco nazionale Los Glaciares in Patagonia, dove è in corso la rottura ciclica del ghiacciaio Perito Moreno. L’ultima volta avvenne nel 2012. Il Perito Moreno è la terza riserva d’acqua dolce del pianeta dopo le calotte polari. Centinaia le persone che sono accorse per vedere questo incredibile fenomeno. Il ghiacciaio è bloccato dall’ottobre scorso, quando ha sbarrato il corso del Brazo Rico. Già lo scorso mese l’acqua del lago aveva raggiunto misure importanti, tanto che si pensava già ad una imminente rottura.

La direzione del Parco naturale per l’occasione ha anche aperto un sito per poter seguire in diretta lo straordinario evento. Le prime avvisaglie nei giorni scorsi, quando sono state riscontrate le prime infiltrazioni d’acqua nella ‘diga’ di ghiaccio che si forma quando il Perito Moreno si appoggia alla Penisola di Magellano. Proprio questo particolare permette con una certa precisione che rotture possano avvenire entro le 48-72 ore.

(Video tratti dai canali Youtube del The Telegraph e ahoracalafateportal)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore