giovedì, Ottobre 17

Perché molti e-commerce falliscono e cosa possiamo fare per evitarlo E' necessario diversificare le attività di marketing e mantenere i prodotti presenti sul maggior numero di canali di acquisto possibili

0

È difficile stabilire esattamente quale sia la percentuale di e-commerce che falliscano. Alcuni asseriscono che l’80% chiudano entro i primi due anni. Altri analisti parlano di percentuali di fallimento attorno al l’incredibile valore del 97% nel medesimo lasso di tempo. Qualunque sia il totale reale, una cosa è certa: sono numeri incredibilmente alti e preoccupanti.

Ma perché accade? Dopotutto, le vendite e-commerce dovrebbero crescere dall’ 8% al 12% solo quest’anno. Di conseguenza le aziende, che decidono di investire sul commercio elettronico, dovrebbero fare sempre meglio, quindi qual è il problema?

L’errore principale: ‘Aspettative Errate’

Quasi tutti credono che, realizzando e mettendo online il proprio sito e-commerce, i clienti arriveranno come per magia e si inizierà a vendere da subito. Questo concetto viene erroneamente ereditato dall’idea di marketing della vendita al dettaglio con un negozio fisico, che di norma consisteva in: “Se apro un grande negozio, e vendo i prodotti che la gente vuole, non posso che avere successo”

Ecco il problema!. Anche se le persone sono interessate ai tuoi prodotti, devono venire a conoscenza  che esisti per poterli acquistare. A meno che tu non sia l’unica azienda che vende un particolare prodotto sulla terra, sperare che gli utenti ti possano trovare per puro caso, non è sicuramente la strategia più efficace.

Fortunatamente, in generale, oggi chi apre un e-commerce è relativamente consapevole della necessità di inserire e mostrare i propri prodotti sui canali di shopping più popolari dove, i potenziali clienti, sono già abituati ad acquistare come ad esempio, Amazon, Ebay, Google shopping ecc.

Ma, nonostante tutto, gli e-commerce continuano a fallire a ritmi sempre più elevati. Perché?

Semplicemente perché non stai comunque facendo abbastanza.

Nuovi e-commerce nascono ogni giorno, e ne esistono letteralmente a centinaia se non a migliaia in ogni settore merceologico. Eppure, molti imprenditori online, credono ancora di poter raggiungere i propri potenziali clienti, solamente attraverso i canali sopra citati ma ormai non è più sufficiente. Questi canali sono diventati così grandi che i tuoi prodotti possano perdersi tra le centinaia di prodotti simili o addirittura uguali, presenti sui market place e raramente i tuoi verranno mostrati nei risultati di ricerca.

La cura per evitare il fallimento del tuo e-commerce è semplice … ma non necessariamente facile.

Diversifica la tua strategia di e-commerce marketing

In parole povere, è necessario diversificare le tue attività di marketing per l’ e-commerce. Mantieni i tuoi prodotti presenti sul maggior numero di canali di acquisto possibili. Più canali hai a disposizione, più possibilità hai di raggiungere i tuoi potenziali clienti e più possibilità hai di generare vendite.

Utilizzare contemporaneamente i canali Amazon, Google Shopping, Social Network, programmi di affiliazione e molto altro, è sicuramente l’unica strada per evitare il fallimento del progetto e tentare di emergere dalla massa.

Ma diversificare il numero di canali di marketing, significa di conseguenza ottimizzare i dati su ciascuno di essi. Ogni canale ha il proprio set di specifiche, ottimizzazioni e strategie. Ad esempio, l’ ottimizzazione per Amazon è diversa dall’ottimizzazione per Google cosi come per Facebook o Instagram. Ciò che può funzionare per un canale, potrebbe non funzionare per un altro.

Per molti negozi online, una delle sfide più complesse e quella di gestire e ottimizzare i numerosi feed  prodotto necessari per tenere aggiornati e allineati i vari canali di vendita. Ma come puoi farlo senza dedicare una quantità eccessiva di tempo a questa delicata attività? Il segreto e’ semplice: analizzare con cura i canali, generare automaticamente un feed per ogni canale, gestire in modo sincronizzato gli aggiornamenti

Noi di Veralto, la Web Agency a Monza, ti consigliamo di iniziare la tua analisi per dare nuova spinta al tuo e-commerce. Naturalmente, siamo disponibili nel darti tutto il supporto di cui hai bisogno per differenziare e far crescere la tua attività di web marketing.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore