lunedì, Maggio 27

Parigi: primo Maggio di scontri 1200 violenti incappucciati hanno lanciato proiettili ed hanno incendiato negozi

0

Un Primo Maggio di scontri è stato a Parigi, dove oltre mille persone (circa 1200) dal volto coperto da un cappuccio hanno bloccato la manifestazione (che ha poi cambiato percorso) partita in ritardo da Piazza della Bastiglia e poi giunta a Place d’Italie, lanciando proiettili e incendiando una concessionaria della Renault o distruggendo le vetrine di un Mc Donald’s. Le forze dell’ordine hanno risposto con gas lacrimogeni. 

Prima dell’ inizio della manifestazione, due persone sono state arrestate, ma sarebbero circa 200 i manifestanti che sono stati fermati dalle forze dell’ordine. «Tutti odiano la polizia», «Parigi, sveglia, sollevati», «Questa volta siamo organizzati», urlavano i violenti.

«Ferma condanna delle violenze e degli atti degradanti commessi a margine del corteo del Primo maggio a Parigi. Tutto è stato fatto per porre fine a questi gravi disordini dell’ordine pubblico e per arrestare gli autori di questi atti inqualificabili», ha scritto il ministro dell’Interno francese Gérard Collomb in un tweet. 

Già il 30 aprile le autorità avevano lanciato l’allarme per il rischio di disordini e scontri. L’anno scorso più di 140mila persone avevano manifestato a Parigi e sei poliziotti erano rimasti feriti, qualcuno anche in modo grave.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore