giovedì, Agosto 13

Papa in Myanmar: le immagini dell’ arrivo L' inizio del suo ventunesimo viaggio apostolico

0

L’ arrivo di Papa Francesco all’aeroporto internazionale di Yangon in Myanmar ha avuto luogo dopo le 13 ora locale . Quello del Pontefice in Mynmar è ventunesimo viaggio apostolico che lo vedrà poi giungere in Bangladesh. Il nunzio apostolico mons. Paul Tschang In-Nam, accompagnato dal capo del protocollo, ha accolto Francesco a bordo dell’ aeroplano. Ma all’ accoglienza ufficiale del Papa in aeroporto ha partecipato Ministro del Presidente della Repubblica Htin Kyaw. Presenti anche i vescovi del Myanmar e una moltitudine di bambini. Dopo la rassegna della Guardia d’onore, il Papa si è diretto all’arcivescovado di Yangon nella residenza che lo ospiterà nel corso della sua permanenza in Myanmar. 

Nella capitale Nay Pyi Taw, il Pontefice incontrerà il Presidente della Repubblica e subito dopo Aung San Suu Kyi, al momento Ministro degli Esteri e Consigliere di Stato. In mattinata si è svolto l’incontro con alcuni esponenti buddisti,ebrei, hindu, islamici, cristiani battisti e cattolici: «Quanto è bello vedere i fratelli uniti: uniti non vuol dire uguali. L’unità non è uniformità, anche all’interno della stessa confessione. Ognuno ha i suoi valori, le sue ricchezze e anche le sue mancanze. Siamo tutti diversi e ogni confessione ha le sue ricchezze, le sue tradizioni, le sue ricchezze da dare, da condividere. E questo può accadere solo se si vive in pace. E la pace si costruisce nel coro delle differenze. L’unità sempre si da’ nelle differenze» queste le parole di Bergoglio. In questo tempo, ha aggiunto, «sperimentiamo una tendenza mondiale verso l’uniformità, a rendere tutto uguale. Questo è uccidere l’umanità. Questa è una colonizzazione culturale. E dobbiamo capire la ricchezza delle nostre differenze e da queste differenze si da’ il dialogo. E da queste differenze si impara dall’altro, come fratelli».   

(Video tratto dal canale Youtube euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore