sabato, Agosto 8

Pannella dopo Pannella Marco Pannella: piccola storia di una vita grande / 10

0

Subito dopo aver lasciato la vita, questa vita, con un «Grazie», Pannella continua intanto a vivere in quel che di lui resta e particolarmente, naturalmente, nelle persone. In chi gli è stato accanto, a più diverso titolo, e in chiunque sia stato ‘toccato’ dalle cose cha ha fatto e creato. Intanto ai quattro giorni di delirio mediatico che ne accompagnano l’uscita. Da giovedì 19 a domenica 22 maggio 2016. Che neanche se li avesse puntigliosamente organizzati lui sarebbero venuti così bene. Anzi, magari… Quasi il risarcimento di tutte le censure dell’informazione contro cui si era battuto tutta la vita. Pannella dunque se ne va. E dopo quel giovedì 19 maggio 2016 rimane, in qualche modo, ‘affidato agli altri’. Ma, dopo, non subito subito, ma abbastanza presto, terminato anche il temporale di libri di ogni genere e autore che si abbattono sugli ipotetici lettori (si segnala una mancanza: ‘Marco Pannella: la lista della lavanderia’), e l’esibizione di chiunque abbia avuto a che fare con lui, si passa alla verifica di quanto rimane e può dar frutto.

Dal 19 maggio 2016, data della sua ‘partenza’, a sabato 19 maggio 2018, sono stati in gran parte due anni di silenzio mediatico. (O quasi). E intellettuale, politico, sociale… C’è un fisiologico periodo di latenza dopo la scomparsa, momentanea o meno, di qualcuno. Resta da vedere quanto la forzadi Pannella lo farà tornare nel vivo del ricordo operativo (ogni altra forma di ‘ricordo’ gli avrebbe fra l’altro causato ben più che l’itterizia). Ché Pannella è stato una farfalla, avendo delle farfalle la felicità di vivere in pieno tutto il tempo che è dato, estendendone come le farfalle il valore, e non a caso quasi colorate farfalle erano le sue sempre più fantasmagoriche cravatte, in genere floreali con predilezione per le infinite sfumature di giallo. Alcune vivono solo un giorno nella forma adulta di farfalla (i lepidotteri intendiamo, ma forse, magicamente, anche le cravatte), altre da pochi giorni a un paio di settimane, altre ancora per alcuni mesi. Ma ci sono anche farfalle come la Heliconius charitonius che possono vivere attivamente fino a diversi mesi, un periodo stratosfericamente lungo rispetto alla norma. E lo fanno grazie alla capacità di utilizzare anche il polline come fonte alimentare. Oppure, come per altre loro specie, andando in ‘diapausa’ cioè estendendo la longevità col trascorrere i mesi invernali al riparo, senza praticamente nutrirsi. All’opposto, anche e forse soprattutto nelle sue ricorrenti astensioni dal cibo Pannella si è continuamente alimentato di contiguità, dialogo, intraprese, affetto, amore e amori, e grazie a questo ha avuto una vita oggettivamente lunga, ma ‘lunghissima’ considerando come si è estesa al di là dei pur tanti giorni effettivamente vissuti.

E intanto vive nelle concrete attività, specie a partire da chi agisce le ‘strutture’ che a più diverso titolo Pannella ha creato attraverso gli anni e i decenni. Anche se, certo, non giova a questa ‘continuità’ e allo sviluppo di quanto ha realizzato, e di quanto ha seminato, la pubblica rissa tra successori e «parenti». Se poi siano anche questi «ingordi» come quelli che a suo tempo lo inseguirono realmente «sulla strada di Pescara» come nella canzone di De Gregori, e quali siano, è questione che al momento lasciamo al giudizio di ciascuno. In ogni caso la forza di Pannella si è già rivelata tale da riuscire ad evadere da ogni prigione, ogni riduzione, ogni avversione o ogni sequestro cui lo si voglia limitare.

(Fine. Per ora…)

All’ideazione e realizzazione di ‘Marco Pannella: piccola storia di una vita grande

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Gabriele Paci Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’. Già, tra l’altro, Direttore di ‘Notizie Radicali’ Agenzia stampa quotidiana. Isio Maureddu Esponente storico del ‘Partito Radicale’ e oggi del ‘Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito’. Già Consigliere generale di ‘Radicali italiani’. Amico e stretto collaboratore di Pannella, in particolare negli ultimi dieci anni.