venerdì, Dicembre 13

Palestina: aumentano gli aborti non sicuri

0

Circa un quarto delle donne palestinesi, in Cisgiordania, ha praticato aborti con metodi non sicuri. Poiché la procedura dell’aborto è illegale secondo la legge palestinese, molti pazienti e operatori sanitari potrebbero finire in carcere. In realtà, però, non c’è una punizione per le donne che interrompono le gravidanze per conto proprio e ciò ha portato a un aumento di aborti non sicuri.

Nonostante, in casi limitati, sia tecnicamente possibile abortire, (cioè quando la gravidanza mette in pericolo la vita della madre o quando vengono rilevate gravi anomalie nel feto), l’aborto rimane assolutamente limitato dalla legge palestinese. Per abortire, una donna ha bisogno di ottenere un fatwa, cioè il responso del giudice per capire quale sia l’orientamento della religione riguardo a un determinato fatto giuridico. Per ottenere un fatwa, la donna ha bisogno dell’approvazione ufficiale di almeno tre medici. Se non la ottiene, lei e qualsiasi aiutante possono incorrere a sanzioni penali e affrontare il carcere.

Intanto gli attivisti per i diritti e gli esperti di salute pubblica non sono d’accordo. «Le donne che vogliono abortire avranno un aborto, a prescindere dal fatto che sia criminalizzato o meno», afferma Ayesha al-Rifai, una politica ed esperta di salute pubblica palestinese. Insomma, le donne palestinesi sono ben lontane dal diritto di abortire in modo sicuro e la strada da fare è ancora lunga.

 

(Video tratto dal canale Youtube: Al Jazeera english)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore