giovedì, Novembre 14

Ottobre: il mese della prevenzione orale È (letteralmente) sotto gli occhi di tutti: il sorriso rappresenta un vero e proprio biglietto da visita. È arrivato il mese in cui ricordarsi di come prendersi cura della nostra bocca

0

Durante l’anno ci occupiamo dell’igiene dentale più o meno distrattamente, ricordandoci della sua importanza quando all’improvviso diventa necessario andare dal dentista. Certo, ognuno di noi conosce l’importanza di spazzolino e dentifricio, alcuni usano il collutorio e c’è chi non rinuncia al filo interdentale: ma siamo sicuri che questo sia sufficiente? Una corretta routine quotidiana è indispensabile per la salute del cavo orale, ma non crediamo che basti per garantire il benessere della nostra bocca e insieme un eccellente risultato estetico!

Il mese di ottobre è quello giusto per ricordarci dell’importanza di una costante prevenzione: carie, tartaro, sensibilità o sanguinamento gengivale, alitosi sono solo alcuni dei problemi che più frequentemente affliggono la nostra bocca. Le carie, per esempio, sono una vera e propria infezione del tessuto duro dei denti che interessa – secondo recenti stime – 9 persone su 10 almeno una volta nella vita. E quanti di noi sottovalutano i rischi nascosti in un comunissimo sanguinamento gengivale, che invece – se non trattato – può degenerare fino alla ben più grave parodontite? Persino l’alitosi può avere come causa scatenante una cattiva igiene orale: accade molto più spesso di quanto si immagini.

Questi sono solo alcuni dei motivi che rendono la prevenzione il più importante ‘rimedio’ contro i problemi della bocca. Per questo l’A.N.D.I. – l’Associazione Nazionale Dentisti Italiani – ha nominato ottobre il mese della prevenzione dentale: una grande iniziativa che coinvolge a titolo volontario più di 10 mila dentisti iscritti all’Associazione, che operano su tutto il territorio italiano. Nel 2019 si aprirà la 39esima edizione: un rituale di benessere che dura quindi da quasi quarant’anni, riscuotendo sempre un grande successo.

L’obiettivo dell’iniziativa è lo stesso fin dalla prima edizione: offrire gli strumenti necessari per monitorare il proprio stato di salute, educare i cittadini su una corretta igiene orale e fornire i servizi necessari allo sviluppo di una maggiore autoconsapevolezza e al potenziale intervento in caso di malessere dei denti. In concreto, durante il mese di ottobre, chiunque lo desideri potrà accedere a una visita preventiva gratuita che servirà a valutare il proprio stato di salute orale; la visita sarà condotta da un dentista professionista, che illustrerà al paziente la sua situazione e, in caso di bisogno, potrà proporgli un piano personalizzato per porre rimedio ad eventuali problemi di denti, palato e gengive. Indipendentemente dall’esito della visita, il dentista fornirà alcuni consigli pratici per preservare il benessere della bocca, personalizzando i suggerimenti in base alla conformazione, alla situazione e alle necessità del cavo orale del paziente.

Si tratta, in sostanza, di una consulenza personalizzata gratuita, di cui è caldamente consigliato approfittare prima che l’occasione sfumi. A questo proposito sarebbe bene ricordarsi dei nostri familiari e portare dal dentista anche anziani e bambini, categorie particolarmente soggette a disturbi dentali. La cura del cavo orale, infatti, è troppo spesso trascurata fin dalla più tenera età, quella in cui bisognerebbe invece educare i più piccoli all’importanza di una corretta igiene per prevenire le carie e per permettere ai denti di crescere sani e forti. Allo stesso modo, col sopraggiungere della vecchiaia, denti e gengive sono sottoposti a un acutissimo stress, a un progressivo fisiologico deterioramento e quindi a severi problemi di salute. È quindi importante ascoltare i consigli di un esperto per preservarne la buona condizione fisica e per vivere in sicurezza e autonomia tutti i piccoli gesti che, anche in età avanzata, garantiscono uno stile di vita sano e sereno: mangiare, articolare correttamente le parole, respirare senza impedimenti, sorridere.

Dati alla mano, possiamo affermare che negli ultimi decenni l’educazione a una corretta igiene orale ha dato i suoi frutti e anni di formazione e divulgazione sull’argomento hanno reso i cittadini italiani dei pazienti più responsabili. Da alcuni anni, infatti, sembra che i problemi dentali e in particolare le carie siano in diminuzione nella media della popolazione, anche se le statistiche restano molto preoccupanti nella fascia d’età dei bambini (che non sapendo controllare autonomamente il consumo di zuccheri sono naturalmente più soggetti all’insorgere di carie). Il positivo andamento generale, fortunatamente, è simile in tutti i paesi occidentali, con alcuni casi d’eccellenza registrati nei paesi scandinavi, tradizionalmente più attenti alla cura del benessere della bocca. In Danimarca, ad esempio, negli ultimi anni si è riusciti a ridurre la carie di quasi il 90%. 

Questi dati sono la prova che è necessario non abbassare mai la guardia, e anzi continuare a fare della visita preventiva un appuntamento fisso con cadenza regolare. Perché non iniziare quindi dal mese di ottobre? La visita presso un dentista convenzionato A.N.D.I. potrà essere prenotata a titolo personale o per un familiare, semplicemente telefonando al numero verde 800 800 121, oppure consultando la pagina web dell’iniziativa, sul sito dell’A.N.D.I., dove sarà sufficiente compilare un form per inoltrare la richiesta o per avere maggiori informazioni.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore