sabato, Agosto 8

Oskar Groening, la morte del contabile di Auschwitz Condannato al carcere con l'accusa di essere corresponsabile della morte di 300 mila persone nel lager che fu il simbolo supremo della Shoah

0

E’ morto ieri in Germania Oskar Groening, 96 anni, condannato al carcere con l’accusa di essere corresponsabile della morte di 300 mila persone nel lager che fu il simbolo supremo della Shoah, Auschwitz.

Groening, conosciuto come il contabile di Auschwitz, era uno degli ultimi criminali nazisti ancora in vita. Negli anni ’70 l’aveva fatta franca nel corso di indagini andate a vuoto, ma nel 2015 era stato condannato dal tribunale di Lueneburg a 4 anni di detenzione.

Il processo si concentrò sui 425 mila ungheresi deportati ad Auschwitz fra il maggio e il luglio del 1944. Groening era stato in servizio nel campo della morte per due anni. Contava i soldi degli ebrei uccisi e faceva da guardiano, anche alle loro valigie. L’anziano sottufficiale delle SS aveva chiesto perdono, riconoscendo una responsabilità morale nell’Olocausto. Ma aveva sempre detto di non essere un carnefice, tentando anche di ottenere la grazia: richiesta respinta a gennaio.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore