giovedì, Agosto 6

Omicidi politici in Nord Corea, un affare di famiglia

0

«L’unico modo per capire la Corea del Nord», dice Rupert Wingfield-Hayes, per la ‘BBC’, «è vederla come se fosse una monarchia assoluta». Sono infatti logiche dinastiche quasi fuori dal tempo quelle che spiegano il recente assassinio di  Kim Jong-nam, fratello del leader nordcoreano Kim Jong-un, ‘regnante’ dal 2011. 

Il fratello del ‘Leader supremo’ non è certamente la prima vittima da quando Kim Jong-un ha ottenuto il potere. A quanto pare 5 anni sultrononon sono abbastanza per solidificare la leadership. «Il suo potere non è stabile», testimonia un amico del defunto Jong-nam, Alex Hwang, «non si fida di nessuno, per questo uccide».

La minaccia più temibile, per Kim Jong-un, viene dalla sua stessa famiglia. Jang Song-thaek, per esempio: zio di Kim, pare avesse in mano le redini del potere durante la fase finale della Presidenza di Kim Il-sung. Accusato di tradimento nel Dicembre 2013, è stato privato di ogni titolo e privilegio per essere poi espulso dal Partito e condannato a morte.  

L’’epurazione’ non ha risparmiato neppure gli amici e i membri della sua famiglia, incluso l’ambasciatore nordcoreano in Malesia Jang Yong-chol, anello di connessione tra Song-thaek e Kim Jong-nam. E con la vita sparisce anche la memoria delle persone ‘scomode’ a Kim Jong-un. Foto, filmati e registri vengono aggiornati per non lasciare alcuna traccia dei nemici dello Stalin del XX secolo.

L’assassinio di Kim Jong-nam ha inoltre dato inizio a quella che sembra una stagione di contrasti tra Malesia e Corea del Nord. Ognuno dei due Stati starebbe in effetti tenendo in ostaggio i cittadini dell’altra nazione sul suo territorio. Pyong Yang ha proclamato un divieto temporaneo di abbandonare il Paese per i cittadini malesi. Le autorità della Malesia hanno protestato intimando i Coreani di rilasciare i cittadini stranieri, protestando e affermando che il provvedimento va contro ogni norma di diritto internazionale.

Video tratto dal canale Youtube di ‘BBC News‘.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.