giovedì, Luglio 18

Offerte luce: gli elementi da considerare prima di scegliere Informarsi su quanto costa l’energia elettrica e se ci sono offerte luce disponibili per i consumatori è molto importante per capire, poi, come poter risparmiare

0

La bolletta dell’energia elettrica è una spesa molto importante da sostenere all’interno del bilancio familiare. Informarsi su quanto costa l’energia elettrica e se ci sono offerte luce disponibili per i consumatori è molto importante per capire, poi, come poter risparmiare.

Il consumo medio di elettricità di una famiglia dipende da molti fattori. Il principale elemento da considerare è il numero di persone che vivono nella casa. Esistono abitazioni con 1, 2, 3 o fino a 6 persone che hanno un consumo elettrico differente. Questo non vuol dire che il consumo di una singola persona si moltiplica ad esempio per i 5 occupanti di una famiglia numerosa. Una coppia che lavora fino a tardi ed esce spesso avrà un consumo medio inferiore rispetto a due anziani che rimangono in casa tutto il giorno e nei weekend. Mentre per i primi risulta conveniente una tariffa bioraria o trioraria, per i secondi invece andrà bene un’offerta monoraria, che garantisce lo stesso prezzo dell’energia durante tutto il giorno. Nel primo caso, la tariffa bioraria prevede un prezzo più basso la sera e nei weekend, garantendo un risparmio nelle ore in cui si concentrano i consumi.

Per poter risparmiare dobbiamo conoscere quanto consumano gli elettrodomestici. Per legge su ogni elettrodomestico deve essere indicato il consumo annuo. Più è elevata la classe energetica, meno energia elettrica verrà consumata. Tra gli elettrodomestici più energivori ci sono la lavatrice e lo scaldabagno; il frigorifero consuma relativamente poco ma è sempre in funzione. 

Sul mercato esistono numerose offerte luce che si adattano ai diversi profili utenti consentendo un risparmio rispetto la tariffa a Maggior Tutela. In effetti, con alcune offerte si può pagare persino 160 euro in meno all’anno. Tuttavia, alcune tariffe luce sono disponibili solo per le nuove attivazioni, altre sono più adatte ai grandi consumatori ma non a chi ha bassi consumi elettrici, e così via. 

Il parametro più importante, dunque, per scegliere l’offerta energia elettrica più adatta è il consumo annuo in kWh. Alcune tariffe luce del mercato libero sono convenienti per le famiglie con alti consumi energetici ma in sovrapprezzo per chi di elettricità ne consuma poca, e viceversa.

Se ci tenete alla tutela dell’ambiente, ma non siete in grado di installare un impianto fotovoltaico o solare termico, potete comunque attivare una tariffa verde della luce e contribuire così alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

Queste tariffe green sono disponibili per le forniture classiche dell’energia elettrica, senza dover modificare gli impianti. Semplicemente, l’energia elettrica che utilizzerete con queste offerte proviene esclusivamente da fonti rinnovabili.

Chi non ha intenzione di subire aumenti della luce può scegliere le tariffe a prezzo bloccato. Con queste tariffe, il prezzo della componente energia rimane bloccato per 12 o 24 mesi, a seconda dell’offerta. La ‘componente energia’ della bolletta include i costi più sensibili alle variazioni del mercato energetico, ma non è il prezzo finale da pagare. Alcune offerte energia elettrica sono esclusive per chi effettuerà il pagamento tramite RID, ovvero addebitando le bollette direttamente sul conto corrente, come ad esempio le ultime offerte di Enel.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore