lunedì, Dicembre 16

O tempora, o mores! Lo sciopero degli assicurativi a Bologna

0

Cambiano i tempi. Per rendercene conto bisogna spulciare le notizie più assurde, quelle che nessuno legge, tipo lo sciopero degli assicurativi Unipolsai a Bologna. Accade quello che non ti saresti mai aspettato da un’azienda da sempre giudicata di sinistra, amica della CGIL, vicina alle istanze sociali, oggi come oggi forse più vicina a Renzi, oggetto misterioso dei poveri anni Duemila che ci tocca vivere. Tutti sanno che gli assicurativi sono un popolo bellicoso, altro che i metalmeccanici e i postelegrafonici, altro che i no global, altro che i Cobas della scuola! La Direzione Unipolsai doveva difendersi da tutti quei facinorosi che manifestavano per il mancato rinnovo del contratto. Il 28 aprile via Stalingrado – mai nome fu più adatto! – sembrava la piazza rossa presidiata dall’esercito, dice Il Resto del Carlino (noto foglio con simpatie rivoluzionarie). I poveri assicurativi in rivolta erano cento, poco più, ma la loro ferocia è nota dagli Appennini alle Ande, ché quando s’incazza un assicurativo son dolori. In via Stalingrado c’era l’assemblea degli azionisti, mica si poteva disturbare tanta gente importante. E allora vai con polizia in schieramento antisommossa, mica cavoli, mezzi blindati, manganelli, della serie te avvicinati e il contratto te lo rinnovo io, ma a colpi in testa. E gli assicurativi – indiani metropolitani, selvaggi trogloditi, noti facinorosi dispensatori di disordini – hanno impugnato il megafono per gridare slogan terribili, roba tipo: “Siamo stanchi di sottostare a chi non ci vuole ascoltare!”. Cose che “Pagherete caro, pagherete tutto!” gli fa una pippa.

assicurativi 4 assicurativi 2

Mettetevi nei panni di Cimbri e dei poveri azionisti. Che cosa avreste fatto? Di fronte all’immane pericolo che gli assicurativi aggiungessero, in uno sbotto di ferocia: “Siamo stanchi, per piacere, rinnovateci il contratto!”, hanno chiamato la polizia e le squadre antisommossa. Per ribadire il grande pericolo rappresentato da questo sciopero – ne ha parlato nessuno, coinvolge un settore di cui importa una mazza a tutti – i manifestanti hanno impugnato il megafono per dire: “La dignità non si compra!”. No che non si compra, amici assicurativi, ché se si comprava Cimbri e soci azionisti in pompa magna erano già scesi al mercato.

assicurativi 1

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore