sabato, Maggio 25

Nepal: ieri si è conclusa la prima fase delle elezioni Per la prima volta dalla fine della guerra civile del 2006, oltre 3 milioni di cittadini hanno votato per la Camera e per le assemblee regionali

0

Per la prima volta, dopo la fine della guerra civile che sconvolse il Paese tra il 1995 e il 2006 e della monarchia (2008), si sono tenute elezioni democratiche per eleggere i 275 membri della Camera dei Deputati e le assemblee regionali. La Costituzione, entrata in vigore nel 2015, prescrive il trasferimento di parte dei poteri del governo centrale a alle sette regioni in cui è stato diviso il Paese. Quella conclusasi ieri è solo la prima fase delle elezioni: la seconda avrà luogo il 7 dicembre. Al termine saranno diffusi i risultati.

Più di 3 milioni gli elettori chiamati alle urne in 32 distretti. I media ha riferito lunghe file di aventi diritto ai seggi.  A confrontarsi, in questa tornata elettorale, da una parte il partito di governo, il Partito Comunista del Nepal,dall’ altra una coalizione formata dal Partito del Congresso Nepalese e dagli ex ribelli maoisti, ossia coloro che avevano fatto dato inizio alla guerra civile per fare del Paese una repubblica. La Costituzione assegna, inoltre, un certo numero di seggi, sia della Camera che delle assemblee regionali, alle donne, ai membri delle minoranze e della casta dei “dalit”.

(Video tratto dal canale Youtube Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore