lunedì, Dicembre 16

Nemo’s Garden, il giardino subacqueo italiano fa il giro del mondo Si tratta di grosse campane subacquee a Capo Noli (Savona), dove si sta conducendo un innovativo esperimento scientifico per la crescita di vegetali in ambiente sottomarino

0

Nemo’s Garden, l’Orto di Nemo: si tratta di grosse campane subacquee a Capo Noli (Savona), dove si sta conducendo un interessante e innovativo esperimento scientifico per la crescita di vegetali in ambiente sottomarino. In una di queste è possibile togliersi l’attrezzatura subacquea, sedersi e osservare l’ambiente sottomarino e quello che accade intorno alle biosfere.

L’installazione delle strutture necessarie a condurre gli esperimenti ha avuto una interessante ricaduta sull’habitat marino, in quanto il fondale in quella zona è piatto e sabbioso e le strutture sono diventate nel giro di pochissimo tempo un reef per molte specie.

Il Nemo’s Garden nel 2016 sembrava fosse destinato a emigrare all’estero a causa di difficoltà burocratiche e mancanza di fondi. Poi le concessioni necessarie per portare avanti il progetto sono state rinnovate per altri quattro anni, ma l’ipotesi di esportare l’esperimento all’estero rimane.

Tante le specie erbacee/arboree coltivate nella campane del Nemo’s Garden, soprattutto piante aromatiche e medicali: menta, aloe vera, maggiorana, origano, timo, lattuga, citronella, tè verde, liquirizia ecc. Ma nelle campane sono cresciuti persino pomodori e fagioli. Inoltre nelle campane la pressione più elevata accelera la crescita dei vegetali, e non occorrono pesticidi di nessun tipo perché i parassiti sott’acqua non ci vanno. Anche per quanto riguarda l’approvvigionamento idrico il differenziale di temperatura dell’acqua racchiusa alla base della biosfera provoca una evaporazione che – attraverso la successiva condensazione all’interno della campana stessa – procura poi l’acqua dolce necessaria alla vita delle piante che sono poi in grado – attraverso la fotosintesi – di mantenere in equilibrio i livelli di ossigeno e di anidride carbonica.

(video tratto dal canale Youtube di Tech Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore