martedì, Settembre 29

Navi russe nella Manica: la ‘scorta’ della Marina britannica Sono entrate nella zona di interesse nazionale del Paese, ma da Londra non hanno voluto definire quanto accaduto un incidente

0

Ancora Russia in manovre extra territoriali. Stavolta è accaduto nel canale della Manica, dove una nave della Marina britannica Westminster è stata inviata per accompagnare un gruppo di navi da guerra russe. A raccontare l’episodio il ministero della Difesa del Regno Unito.

Le navi russe sono entrate nella zona di interesse nazionale del Paese, ha detto in una dichiarazione il portavoce ufficiale del dipartimento, che però non ha voluto definire quanto accaduto un incidente, spiegando che l’invio di una nave da scorta è la procedura in questi casi.

Però non è la prima volta che accade: alla fine di dicembre, la nave della Marina Tyne è stata inviata per scortare nel Canale una nave russa, che, secondo gli inglesi, poteva raccogliere informazioni di intelligence. Due giorni dopo, la fregata britannica St. Albans ha accompagnato la nave russa Admiral Gorshkov, quando questa solcava il mare del Nord proprio in acque britanniche.

Per non parlare poi dei voli russi nel nord Europa ma anche sulla stessa Gran Bretagna. Il ministero della Difesa russo ha più volte sottolineato che tutti i voli degli aerei russi vengono eseguiti in stretta conformità delle regole per l’utilizzo dello spazio aereo sopra le acque neutrali e che non violano i confini di altri Stati.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.