mercoledì, Settembre 30

Namibia: inventato lo Smartphone senza carta Sim

0
1 2


Kampala – Simon Petrus, uno studente della scuola media superiore Abraham Iyambo della regione Ohagwena, Namibia, ha inventato un Smartphone senza carta Sim da cui è possibile telefonare senza dover firmare un abbonamento con le compagnie telefoniche e comprare crediti telefonici per la trasmissione dei dati voce, immagini e video. Il prototipo, fabbricato tramite l’assemblaggio di Smartphone classici in disuso, sfrutta la frequenze radio libere e permette di telefonare gratis raggiungendo tutti i telefoni fissi e mobili del pianeta. Il rivoluzionario telefono è stato sottoposto ai test di funzionalità del Ministero delle Comunicazioni. I test hanno attestato l’operazionalità dell’originale invenzione protetta ora da regolare brevetto.

Simon Petrus è stato finanziato da suo padre, disoccupato, che ha attinto i  fondi necessari dai risparmi familiari, da parenti e amici. Il giovane studente namibiano ha dimostrato nella realtà che è possibile utilizzare le frequenze radio ad onde libere per le telecomunicazioni. Le carte Sim (dall’acronimo inglese Subscriber Identity Module) offerte a poco prezzo dalle multinazionali Telcom, sono delle smart card che inserite nel telefono cellulare permettono di archiviare il numero univoco associato agli utenti di telefonia mobile di reti GSM o UMTS identificando il cliente. Quando la carta Sim è riconosciuta dall’operatore di telefonia mobile, il dispositivo viene agganciato ad una certa cella radio della rete cellulare per mettere a disposizione degli abbonati connessioni voce e dati. La carta Sim non contiene il proprio numero telefonico che è in realtà associato al seriale IMSI in rete, un numero univoco che viene associato agli utenti grazie alla sua memorizzazione a distanza sulla carta Sim.

Simon Petrus è risalito alle origini del cellulare che altro non è che una ricetrasmittente mobile per comunicare in radiotelefonia sull’interfaccia radio di accesso di una rete. Inizialmente il telefonino utilizzava i sistemi standard analogici degli anni Settanta Novanta sintonizzandosi sulle frequenze radio 160/450/900 MHz. Solo nel primo decennio del Ventunesimo secolo si è passato all’utilizzo dei sistemi digitali basati sui sistemi GSMGPRSUMTS/EDGE e VSF-Spread OFDM per le trasmissioni dati 3G e 4G. Il passaggio dal segnale analogico a quello digitale ha permesso d’implementare oltre alla semplice chiamata vocale l’uso dei messaggi di testo, registrazione e visualizzazione foto e filmati, il loro invio e la navigazione su Internet attraverso il protocollo Wireless Application Protocol (WAP).

La maggioranza dei clienti degli Smartphone non è a conoscenza che l’intera tecnologia che ha rivoluzionato il modo di comunicare e i comportamenti sociali in tutto il pianeta Terra è basata sulle antiche comunicazioni radio. Anche la trasmissione digitale è possibile solo a partire da sorgenti radiofoniche classiche attraverso una conversione analogico-digitale dei dati analogici. I ripetitori delle compagnie telefoniche non sono altro che ripetitori di onde radio. Teoricamente è possibile accedere alla rete dati della telefonia cellulare senza passare da una compagnia Telecom se si ha in dotazione un cellulare capace di attuare la conversione analogico-digitale. Ora questo apparecchio esiste grazie allo studente namibiano Simon Petrus.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore