lunedì, Dicembre 9

Mosul, salta in aria la moschea di Al-Nuri:è scontro Usa-Isis

0

E’ ancora mistero sulla distruzione a Mosul della moschea di al-Nuri, luogo di culto storico dove nel 2014 fu ‘battezzato’ lo Stato Islamico dal Califfo Al Baghdadi. Costruita tra il 1172 ed il 1173, si trova nella zona orientale della città ed era famosa per il suo minareto pendente di 45 metri, noto come ‘Al-Hadba’.

Secondo fonti militari irachene a distruggere la moschea sarebbe stato lo stesso Isis. Un gesto simbolico prima di cedere all’ultima offensiva della coalizione.  «Le nostre forze stavano avanzando verso i loro obiettivi nella città», ha dichiarato il generale di corpo d’armata dello stato maggiore iracheno, Abdulamir Yarallah, «quando eravamo a 50 metri dalla moschea Al Nuri, Isis ha commesso un altro storico crimine facendo saltare la moschea e il (minareto) di Hadba».

Ma i jihadisti, sul loro organo di propaganda, puntano invece il dito contro le forze militari americane, ree di aver distrutto al-Nuri durante un bombardamento. Ma la Coalizione a guida Usa nega: «Non abbiamo condotto dei raid in quell’area in quel momento», ha detto il colonnello dell’esercito Ryan Dillon.

Insomma si sta arrivando al momento chiave dell’assalto alla Città vecchia di Mosul, unica zona ancora in mano ai jihadisti, cominciato domenica scorsa. Ancora tanti i civili intrappolati in questa zona e in cerca di una via di fuga. Intanto però, continua lo scempio sui monumenti. E questo della distruzione della moschea di al-Nuri è solo l’ultimo episodio.

(video tratto dal canale Youtube di Wion)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.