domenica, Luglio 5

Mosul, le immagini della città liberata dall’Isis

0

Nella serata di ieri è arrivata anche la conferma da parte della coalizione a guida Usa: le forze armate irachene hanno ripreso il totale controllo di Mosul dall’Isis. Secondo quanto affermato dal comando americano, «anche se ci sono ancora zone della Città Vecchia che devono essere bonificate da esplosivi e forse gli ultimi miliziani dell’Isis che si nascondono, le forze armate irachene adesso hanno Mosul sotto un saldo controllo».

Il generale Stephen Townsend ha comunque precisato di «non fare l’errore di credere che questa vittoria abbiamo eliminato l’Isis, perché c’è ancora una dura battaglia in corso». Ma rimane il fatto che la perdita di Mosul per lo Stato Islamico è un duro colpo, dal quale riprendersi sarà molto difficile.

Ed ecco allora proliferare nella Rete le prime immagini di Mosul liberata. E la città mostra tutte le sue ferite, dopo tre anni di battaglie. La città infatti è irriconoscibile, interi quartieri rasi al suolo, edifici crollati sotto le bombe. Secondo il governatore della regione Mosul Ovest è stata distrutta al 70%. E anche la città vecchia è ridotta in un cumulo di macerie.

Dal 2014, quando iniziò l’assedio, dalla città, secondo gli ultimi dati, sono riusciti a scappare 350.000 civili. Almeno altri 150.000 sono rimasti intrappolati fino alla fine della battaglia per la liberazione. Secondo Human Rights Watch, l’assedio di Mosul verrà ricordato tra le ‘operazioni più sporche e più letali per i civili’.

(video tratti dai canali Youtube di RT e Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.