giovedì, Ottobre 1

Mosca: archeologi trovano la stanza segreta degli Zar

0

Degli archeologi russi hanno dissotterrato quello che potrebbe essere un rifugio sotterraneo costruito nei tempi di Ivan il Terribile per permettere ai moscoviti di spiare i movimenti dei nemici che entravano nella città.

La stanza sotterranea e le gallerie, risalenti al XVI secolo, sarebbero state costruite «da Elena Glinskaya, la madre di Ivan il Terribile, che ha guidato la Russia negli anni ‘30 del 1500», ha affermato Leonid Kondrashev, capo archeologo di Mosca.

La stanza si trova sotto la cinta muraria, un tempo lunga 2.5 chilometri e fornita di 12 torri di guardia, che proteggeva la città dai raid dei Tatari e dei Polacchi. La stanza è stata usata l’ultima volta nel XVII secolo, quando le truppe polacche occupavano il quartiere di Kitay-gorod.

Le mura della stanza sono state costruite in modo da creare una sorta di cassa di risonanza che aiutava a sentire chiaramente cosa stava succedendo sulla superficie. In tempo di pace, la stanza era usata come magazzino per le provviste di cibo.

«La maggior parte degli artefatti ritrovati sono ceramiche del XVIII e XIX secolo: frammenti di tazze, ciotole, e persino un piatto di ceramica in buono stato» ha dichiarato l’ufficio degli archeologi.

Video tratto dal canale Youtube ‘RT’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.