sabato, Dicembre 7

Mondo9: un universo fantascientifico in espansione

0
1 2


Come abbiamo già avuto modo di vedere in altri articoli, la fantascienza italiana è un genere che, per ragioni varie e che in gran parte risalgono ai suoi albori, non ha quasi espresso autori autenticamente popolari. Non esiste per la fantascienza l’equivalente di un Camilleri o di un Lucarelli per il giallo, e i pochi scrittori che hanno raggiunto il grande pubblico lo hanno fatto il più delle volte con opere di confine e che non vengono percepite come fantascientifiche.

Ma chi la dura la vince, e stiamo assistendo finalmente alla meritata emersione di un autore che è riuscito a costruirsi un proprio pubblico attraverso opere originali e che appartengono in toto al genere fantascientifico. È Dario Tonani, classe 1959, attivo nel campo della fantascienza fin dai primi anni Ottanta, con alle spalle quasi un centinaio di racconti pubblicati, vari premi vinti e tre titoli, ‘Infect@’ (2007), ‘L’algoritmo bianco’ (2009) e ‘Toxic@’ (2011), apparsi in edicola su quella che è la testata fantascientifica italiana per antonomasia, Urania Mondadori.

Sono risultati già di tutto rispetto per un autore italiano, ma Tonani, che vive in provincia di Milano e lavora come giornalista in un mensile dedicato all’automobile,è andato oltre, grazie a quella che inizialmente poteva sembrare un’opera minore. Attraverso la casa editrice 40K ha pubblicato a partire dal 2010 una serie di storie espressamente concepite per la lettura in digitale: brevi e autoconclusive, ma legate tra loro in modo da invogliare il lettore a leggere la successiva. Le storie erano incentrate sulla Robledo, un veicolo meccanico ma in qualche modo senziente che solca su enormi ruote i deserti di un pianeta ostile noto come Mondo9.

I lettori hanno molto apprezzato questo immaginario biomeccanico, decretando il successo del ciclo, che da allora ha continuato a espandersi. Le quattro storie originali sono state ripubblicate in formato cartaceo da Delos Books con il titolo di ‘Mondo9’. Sempre per Delos Books è uscito in digitale un nuovo ciclo di storie sotto il titolo di ‘Mechardionica’, e anche un libro cartaceo, ‘Tutti i mondi di Mondo9’, contenente un’ottantina di racconti selezionati attraverso un concorso, e ambientati nello stesso mondo in cui si muove la Robredo. L’illustratore Franco Brambilla ha pubblicato un volume di illustrazioni ispirate alle opere di Tonani (è sua anche l’immagine che illustra questo articolo), ‘The art of Mondo9’. La prima storia della serie è stata pubblicata negli USA, e l’intero ciclo è stato tradotto in Giappone. Il culmine viene raggiunto in questi giorni con l’uscita in libreria di Cronache di Mondo9, un libro che riunisce tutte le storie di “Mondo 9’ e di ‘Mechardionica’ con l’aggiunta di ulteriori testi che fungono da collegamento tra i racconti principali. Si tratta della prima volta che ‘Urania’ dedica a un unico autore italiano un volume della sottocollana Millemondi, dedicata ai testi di grande formato. E, come Tonani annuncia in questa intervista, Mondo9 si espanderà ancora.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore