sabato, Ottobre 24

Moda uomo primavera-estate 2018, facciamo tendenza utilizzando questi colori Se volete sapere quali sono i nuovi colori della moda estiva maschile, le nuove nuance per camicie, pantaloni, giacche, ecco qualche spunto

0

Le passerelle della moda delle principali capitali europee hanno visto presentare le nuove collezioni uomo primavera-estate 2018, che mostrano quelle che saranno le tendenze in fatto di abbigliamento per i prossimi mesi caldi. Oltre a capire quali sono stati i capi e gli outfit utilizzati, andiamo a dare un’occhiata anche a quelle che saranno le tendenze di colorazioni che verranno maggiormente utilizzate e che riusciranno a dettare la moda per questa stagione.

Se volete sapere quali sono i nuovi colori della moda estiva maschile, le nuove nuance per camicie, pantaloni uomo, giacche e quant’altro, seguiteci in questo articolo, troverete interessanti spunti per aggiungere i capi giusti al vostro guardaroba e per effettuare i migliori abbinamenti possibili. Capi che sicuramente potrete scegliere affidandovi alla cura e alle indicazioni dei professionisti di Boggi Milano, storica azienda milanese che negli anni si è affermata a livello italiano e mondiale nel campo dell’abbigliamento uomo, grazie alla sua capacità di progettare e disegnare capi per l’uomo che vuole essere impeccabile in ogni genere di occasione.

Il primo colore di tendenza per la prossima primavera-estate nella moda uomo è il verde, spesso trascurato, ma che presenta il vantaggio di essere una colorazione semplice da abbinare. Di solito siamo abituati a vederlo utilizzato nelle tonalità verde militare o marcio, ma l’estate 2018 introduce nuove nuance e abbinamenti. Nel caso di un look sportivo ma elegante, la combinazione perfetta è quella di utilizzare una camicia verde con una giacca blu, oppure una giacca in verde chiaro, abbinata a pantaloni in cotone beige chiaro, mentre un’opzione più giovanile è rappresentata da un abbinamento di un pantalone in tale colorazione con una t-shirt bianca e sandali al piede.

Secondo colore che fa tendenza nei prossimi mesi è l’immancabile bianco, il più classico dei non colori e che rappresenta il capo estivo per eccellenza. Molti stilisti propongono soluzioni di abiti con giacca a doppiopetto e relativi pantaloni tutti nella stessa tonalità del bianco, con la camicia che va a spezzare l’armonia di colore con una tonalità tendente al crema, al grigio o comunque in toni tenui. Per uno stile più rilassato e giovanile, vengono proposti pantaloni regular fit nelle varie tonalità del bianco unitamente ad una maglia, oppure un abbigliamento casual con pantalone, maglietta e giacca sportiva, con delle scarpe in camoscio per spezzare l’uniformità di colore.

Il terzo colore di moda sono le tonalità dall’azzurrino al blu elettrico, che viene proposto in più gradazioni, con accostamenti che vedono l’abito azzurro con gilet accostato a una t-shirt bianca, oppure, per uno stile sportivo, un classico giubbotto in simil pelle blu unitamente a dei pantaloni dalla gradazione più tenue.

Tra le altre opzioni di colore maggiormente utilizzate per la moda uomo estiva 2018, troviamo i colori classici come le tonalità di grigio, nero, rosso, arancio e il marrone scuro, che vengono utilizzate sia per gli stili casual che per il classico. La scelta finale dipende come sempre da fattori quali i gusti personali, il colore della propria carnagione, ma soprattutto dal proprio stile personale oltre che dall’occasione in cui deve essere indossato tale abbigliamento.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore