sabato, Ottobre 24

Milano: un mix di arte, storia, cultura e divertimento: quali sono i luoghi da non perdere? Il capoluogo lombardo è diventato una città d’estremo interesse, con una proposta davvero significativa per i turisti che decidono di passare qualche giorno all’ombra della Madunina

0

Una città italiana, più di altre, ha dimostrato di essere in grado di restare al passo coi tempi: Milano. Da sempre considerata la capitale economica del Belpaese, sinonimo di lusso, nonché capitale della moda, il capoluogo lombardo è diventata una città d’estremo interesse anche a livello culturale, con una proposta davvero significativa per i turisti che decidono di passare qualche giorno all’ombra della Madunina.

Ed è proprio il Duomo, laddove la citata Madonnina svetta maestosa a protezione della città, il simbolo di Milano, un luogo in grado di lasciare a bocca aperta per la sua maestosità e bellezza, grazie anche a mirate e costanti opere manutentive che, nel corso degli anni, hanno contribuito a mantenere intatto il fascino e l’eleganza. Una maestosità che è certificata anche da alcuni numeri, come le 40000 persone che può ospitare al proprio interno che ne fanno la quarta chiesa più grande al mondo.

Duomo e molto altro: cosa può offrire il centro di Milano a chi lo visita

Il centro di Milano, però, non è solo il Duomo, nonostante sia il luogo più famoso della città meneghina. A fianco dello stesso, ad esempio, ci si può perdere nello splendore della Galleria di Vittorio Emanuele, dove si può restare abbagliati dal lusso dei negozi di moda o assaporare gustose prelibatezze nei prestigiosi ristoranti presenti. Ma a renderla unica è il pavimento a mosaico, al punto dall’essere definita come il ‘salotto di Milano’.

Nelle immediate vicinanze della Galleria, è possibile visitare un altro simbolo di Milano: il Teatro della Scala, tempio della musica classica, dove un direttore d’orchestra può consacrarsi definitivamente oppure vedere la propria carriera indissolubilmente stroncata. La data del 7 dicembre, giorno in cui cade Sant’Ambrogio, patrono della città, va in scena la ‘Prima della Scala’, l’evento più prestigioso del panorama nazionale italiano.

Se il Duomo è considerato il luogo simbolo per antonomasia, il Castello Sforzesco è, con ogni probabilità, l’altra attrazione più suggestiva. Costruito, nel 1500, da Francesco Sforza sulle ceneri di una vecchia fortificazione, è uno dei più grandi castelli del Vecchio Continente e, nonostante sia situato nel centro della città, è il luogo ideale per passare alcune ore in rilassatezza lontano dal ritmo frenetico del caos cittadino.

Uno dei luoghi culturali maggiormente attrattivi di Milano è, senza alcun dubbio, la zona di Brera, nota per la sua pinacoteca e per dei tratti artistici che, nel passato, le hanno consentito di essere definita una ‘piccola Parigi’ all’interno di Milano. Un’altra pinacoteca assai celebre è quella Ambrosiana, che fu costruita nel 1600 dal Cardinale Federico Borromeo come centro di studio e cultura di maggior interesse del capoluogo lombardo.

I luoghi più attraenti della movida, facilmente raggiungibili a piedi dal centro cittadino

Un altro luogo imperdibile per gli amanti dell’arte è il Museo dei Cappuccini, che presenta alcune opere d’arte, spesso inedite, provenienti sia all’Ordine dei frati che da quello di altre numerose fraternità provenienti dal territorio lombardo. Un luogo dove storia e tradizione meneghina diventano un tutt’uno, un’autentica testimonianza di ciò che ha rappresentato Milano nei secoli passati.

Visitare Milano, però, non offre solo spunti di grande appeal artistico e culturale. Essa, infatti, riesce ad offrire notevoli opportunità di svago e divertimento, grazie alla capillarità di pub, discoteche e ristoranti, nonché alla stuzzicante possibilità di un servizio di intrattenimento come quello di escort-inserzioni.com, per concedersi qualche attimo fuori dall’ordinario. Le zone della movida sono diverse, ma una, più di altre, è considerata la zona nevralgica del divertimento dei milanesi.

Siamo parlando, ovviamente, dei Navigli, un luogo, oltretutto, particolarmente romantico ed intimo, dove è possibile vivere qualche ora all’insegna della spensieratezza immersi in un’atmosfera magica. Molto suggestiva la possibilità di raggiungere questo angolo della città con una salutare camminata di una mezz’oretta seguendo la Darsena, altra zona milanese particolarmente trendy.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore