domenica, Maggio 26

Milano: quali sono i quartieri per alloggiare che offrono sicurezza e servizi? Ecco cosa bisogna valutare prima di affittare una casa o una stanza per il periodo scelto

0

Quando si inizia una nuova avventura, un nuovo lavoro, un Erasmus, un master o corso, se si è deciso di scegliere Milano come città per accoglierci durante questa nuova tappa della nostra vita, abbiamo fatto la scelta giusta, ma ci sono alcune cose da valutare prima di affittare una casa o una stanza per il periodo scelto.

L’opzione migliore per vivere a Milano, la considerazione più importante di tutte le altre è la somma di denaro che abbiamo a disposizione, determinante per poter capire in quali zone muoversi e che tipo di immobile possiamo scegliere per soddisfare le nostre esigenze e non sfiorare il nostro budget. Sicuramente, attraverso conoscenze e passaparola potrete avere maggiore tranquillità e un feedback sicuro da chi direttamente ha vissuto a Milano. Nel caso non si avessero amici in grado di poterci aiutare, possiamo utilizzare Internet per avere un quadro della situazione e una volta chiarite le idee, iniziare a consultare le pagine web che si occupano di affittare stanze monolocali o appartamenti utili per dissipare gli ultimi dubbi.

Innanzitutto dobbiamo sapere quale zona/quartiere corrisponde ai requisiti per soddisfare i nostri bisogni in base ai servizi offerti e alla rete di trasporto. Milano è una metropoli, dove il punto focale di attrazione turistica si concentra prevalentemente in centro, zona Duomo, pertanto se il vostro budget non è dei più alti, le zone del Duomo o Teatro alla Scala sono da scartare poiché sono considerate ‘l’elite’. Data la sempre piú crescente richiesta di appartamenti turistici ogni giorno, una volta dettagliate le caratteristiche di alcuni quartieri avrete la mente più lucida per poter scegliere l’alloggio giusto.

  • Il quartiere Isola è uno dei più famosi e gettonato per chi vuole restare nelle vicinanze del centro ma allo stesso tempo vivere in un contesto tranquillo. Famoso anche per essere il quartiere con il simbolo della Unicredit Tower e il bosco verticale, un edificio molto caratteristico completamente avvolto dal verde.
  • Navigli è diventato oggi un punto di aggregazione molto popolato dai giovani che lo definiscono il cuore pulsante della città, dati i locali che illuminano la sua vita notturna e negozi di ogni tipo per lo shopping quotidiano. Sicuramente una zona da evitare se non si ama la confusione.
  • Via Padova ospita abitanti provenienti da tutto il mondo e una quantità importante di giovani che cercano affitti economici, può essere però il quartiere meno tranquillo per passare il proprio tempo qui a Milano.
  • Tortona invece è caratteristica per ospitare la famosa fiera internazionale del design, ideale per chi preferisce immergersi in un’atmosfera artistica e dispone di un budget medio-alto, permettendosi dunque di vivere in un quartiere ormai simbolo di moda.
  • Città Studi popolata da studenti è ben collegata e sono presenti numerosi locali e negozi economici. Zona periferica strategica per alloggiare poiché siete comodamente collegati al centro ed è possibile risparmiare un pò.
  • San Siro, di cui avrete sicuramente già sentito parlare si compone di due zone suddiviso in base al livello economico degli abitanti, infatti troviamo il quartiere dove abitano persone con un reddito medio- alto e persone con un reddito inferiore, e scarseggia di locali rispetto alla zona centrale.
  • Ultimo e meno famoso quartiere di Milano è ‘l’Hinterland Milanese’, la periferia, il nuovo punto di appoggio per chi si trasferisce per motivi di lavoro o per motivi di  studio potendo godere di una totale tranquillità e dispone di alloggi a prezzi abbordabili in quanto distante dalle zone dispendiose, ma ben collegata al centro.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore