lunedì, Settembre 23

Migranti, rifugiati: Italia già fuori legge Il caso Sea Watch, i rilievi dell’ONU, la sentenza della Corte UE non sono altro che conferme del fatto che le politiche italiane in materia di rifugiati sono già in contrasto con gli obblighi di legge interni e internazionali. Ne parliamo con Sergio Marchisio

0

48 ore circa, prima che si snodasse l’ultimo caso migranti con la Sea Watch a Lampedusa e lo scontro tra il Ministro degli Interni, Matteo Salvini, e la Magistratura, l’Alto commissariato dell’Onu per i diritti umani ha scritto una lettera al Governo italiano in cui critica le direttive emanate dal Ministero dell’Interno per vietare l’accesso delle navi Ong ai porti italiani e chiede di interrompere l’iter del decreto sicurezza bis’ perché «viola i diritti dei migranti». Secondo la missiva indirizzata al Ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi -e trasmessa anche al Ministero dell’Interno-, «la direttiva può incidere in maniera grave sui diritti dei migranti, compresi i richiedenti asilo e le vittime -o potenziali- di detenzione arbitraria, tortura, traffico di essere umani e altre gravi violazioni dei diritti umani».

L’Alto commissariato, nel documento di 11 pagine firmato dal capo delle procedure speciali, Beatriz Balbin, condanna le direttive alle forze di Polizia e alla Difesa del Ministro dell’Interno Salvini contro l’attività della nave Mare Jonio, che rappresentano, secondo l’ONU, «un altro tentativo politico di criminalizzare le operazioni di ricerca e salvataggio svolte in tutti questi anni dalle organizzazioni della società civile nel Mediterraneo. Oltre a intensificare ulteriormente il clima di ostilita’ e xenofobia nei confronti dei Migranti».

Pochi giorni prima, il 14 maggio, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea aveva reso noto la  sentenza (sulle cause riunite C-391/16, C-77/17 e C-78/17), nella quale, in estrema sintesi, la Corte UE afferma «fintanto che il cittadino di un Paese extra-UE o un apolide abbia un fondato timore di essere perseguitato nel suo Paese di origine o di residenza, questa persona dev’essere qualificata come rifugiato ai sensi della direttiva e della Convenzione di Ginevra e ciò indipendentemente dal fatto che lo status di rifugiato ai sensi della direttiva le sia stato formalmente riconosciuto».

Il Ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, conferma di aver ricevuto dalla Rappresentanza permanente presso le Nazioni Unite a Ginevra la lettera firmata da sei titolari di procedure speciali del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni unite. La Farnesina precisa che la lettera contiene “una richiesta di chiarimenti circa due recenti direttive del Ministero dell’Interno in materia di sicurezza delle frontiere e di immigrazione illegale; inoltre, esprime alcuni rilievi di preoccupazione con riguardo alla bozza del cosiddetto “decreto sicurezza bis”, non ancora discusso dal Consiglio dei Ministri”.

Oggi il Consiglio dei Ministri dovrebbe iniziare a discutere, appunto, il ‘Decreto Sicurezza bis’, terreno a questo punto, dopo questi tre fatti, in queste ore, particolarmente minato. L’Italia, secondo quanto disposto dalla Corte UE e quanto comunicato dal Palazzo di Vetro, è sul bordo, o forse lo ha già superato, di una situazione di illegalità in fatto di politica migratoria.
La politica annunciata dal Ministro Salvini, e riassunta in un suo recente commento «Comunque io non cambio idea e non cambio la legge: i richiedenti asilo che violentano, rubano e spacciano tornano tutti a casa loro», sarà quindi in contrasto con gli obblighi derivanti all’Italia dal diritto dell’Unione europea, ci dice Sergio Marchisio, professore ordinario di Diritto Internazionale all’Università Sapienza di Roma, particolarmente impegnato nello studio della legislazione in materia di migranti e rifugiati, Direttore del Corso di formazione su Rifugiati e Migranti della Sapienza. Dunque, secondo Marchisio,  “l’Italia è già da considerare fuori leggeper la sua politica dei respingimenti di richiedenti asilo e per l’abrogazione del permesso umanitario”. La sentenza, “ha reso più evidenti gli elementi critici che portano le politiche italiane in materia di rifugiati a porsi in contrasto con tali obblighi”.

Secondo Marchisio, i  principi ribaditi dalla sentenza della Corte ostano all’attuazione di una politica di respingimenti e rimpatri che violi il principio del non refoulement come interpretato dalla Corte di giustizia”. E non bastasse,  il “principio di non respingimento si applica non solo a chi si trova già sul territorio dello Stato in qualità di rifugiato, ma anche a chi si presenta alla frontiera (terrestre o marittima) come richiedente asilo”  -che potrebbe essere il caso, il  procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, lo stabilirà, dell’ultimo carico umani della Sea Watch sbarcato ieri sera.  Impedire, aggiunge in questa lunga intervista il professor Marchisio, “l’ammissione nei porti alle navi che hanno effettuato operazioni di salvataggio equivale a una forma di respingimento collettivo alla frontiera”.

Per capire la situazione dell’Italia in fatto di politica migratoria, con Sergio Marchisio concentriamo l’attenzione sulla sentenza della Corte UE.

 

Professor Marchisio, in base alla sentenza pubblicata il 14 maggio dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea in riferimento ai rifugiati,  a questo punto i rimpatri come si modificheranno?

La sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea del 14 maggio 2019, nelle cause riunite C-391/16, C-77/17 e C-78/17 ribadisce alcuni principi fondamentali che gli Stati membri dell’Unione europea sono tenuti a rispettare quando decidono di respingere o rimpatriare persone cui siano state negate o revocate misure di protezione ai sensi della Direttiva 2011/95/UE relativa all’attribuzione a cittadini di paesi terzi o apolidi, della qualifica di beneficiario di protezione internazionale, a uno status uniforme per i rifugiati o per le persone aventi titolo a beneficiare della protezione sussidiaria, nonché al contenuto della protezione riconosciuta. Si tratta di una sentenza resa in un procedimento di rinvio pregiudiziale, sulla base della richiesta formulata, secondo l’art. 267 del Trattato sul funzionamento dell’UE, dalla Corte suprema amministrativa della Repubblica ceca e dal Consiglio per il contenzioso degli stranieri belga davanti al quale pendevano tre controversie riguardanti ricorsi presentati da cittadini extracomunitari (un ivoriano, un congolese e un ceceno) cui le autorità avevano negato o revocato lo status di rifugiato o il beneficio della protezione sussidiaria. Si trattava, quindi, di procedimenti in cui i giudici nazionali sollecitavano la Corte a interpretare e determinare la validità di alcune norme della Direttiva 2011/95/UE, in particolare l’art. 14, paragrafi da 4 a 6, per consentirne la corretta applicazione ai casi in esame, in coordinamento con la legislazione nazionale della Repubblica ceca e del Belgio di attuazione della Direttiva. In esito a procedimenti del genere, il giudice nazionale è tenuto a risolvere la controversia principale in conformità alla sentenza resa dalla Corte.

Quali sono i punti più rilevanti della decisione?
Direi soprattutto due. Il primo riguarda gli articoli 14 e 21 della Direttiva. La sentenza conferma anzitutto che l’articolo 14 offre ai richiedenti asilo o rifugiati cui sia stato negato o revocato tale status, una protezione maggiore in materia di respingimento o rimpatrio di quanto non faccia l’articolo 33 della Convenzione di Ginevra del 1951. Quest’ultima, infatti, stabilisce il divieto di respingere o espellere, in nessun modo, una persona verso le frontiere di territori dove la sua vita o la sua libertà sarebbero minacciate a causa della razza, religione, nazionalità, appartenenza ad una determinata categoria sociale o delle sue opinioni politiche. Il principio di non respingimento si applica non solo a chi si trova già sul territorio dello Stato in qualità di rifugiato, ma anche a chi si presenta alla frontiera (terrestre o marittima) come richiedente asilo. Tuttavia, l’articolo 33 stabilisce, come eccezione, che il principio non può essere fatto valere da un rifugiato se per motivi seri egli debba essere considerato un pericolo per la sicurezza del Paese in cui risiede, oppure costituisca, a causa di una condanna definitiva per un crimine o un delitto particolarmente grave, una minaccia per la collettività di detto Paese. L’articolo 21, pargrafo 2, della Direttiva 2011/95 sulle garanzie relative al respingimento, invece, deve essere interpretato e applicato in osservanza dei diritti garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’UE, in particolare dei suoi articoli 4 e 19, par. 2, che vietano in termini perentori la tortura nonché le pene e i trattamenti inumani o degradanti, a prescindere dal comportamento dell’interessato, così come l’allontanamento verso uno Stato in cui esista un rischio serio di essere sottoposto ai trattamenti vietati. La Carta europea dei diritti fondamentali costituisce il parametro di valutazione per l’applicazione del principio di ‘non refoulement’, che non può soffrire eccezioni nemmeno nel caso in cui lo straniero sia un pericolo per la sicurezza e l’ordine pubblico o abbia commesso gravi reati. Il secondo punto rilevante della sentenza riguarda l’interpretazione dell’articolo 14, paragrafi 4 e 5, della Direttiva 2011/95, nel senso che a seguito di diniego o revoca dello status di rifugiato lo straniero non perde la qualità di rifugiato, in quanto non cessa di rispondere ai ‘requisiti materiali’ da cui dipende tale qualità, relativi all’esistenza di un fondato timore di persecuzioni nel suo paese d’origine. Per questo tali persone godono di alcuni diritti previsti dalla Convenzione di Ginevra, in particolare: divieto di discriminazioni, libertà di religione, diritto di adire i tribunali, diritto all’istruzione pubblica, e così via, o di diritti analoghi, purché siano presenti nello Stato membro, anche se non hanno titolo per una residenza regolare. Lo Stato membro è, infine, tenuto a riconoscere a queste persone alcuni diritti previsti dalla Carta europea dei diritti fondamentali, come il diritto al rispetto della vita privata e familiare, il diritto alla libertà professionale e di lavorare, il diritto alla previdenza sociale e assistenza sociale, alla protezione della salute. Ora, è evidente che la sentenza in esame incide sulla politica dei rimpatri auspicata dal Ministro Salvini, in quanto conferma il divieto di respingere o rimpatriare un richiedente asilo o un rifugiato al quale -a seguito di condanna definitiva- sia stata revocata la protezione internazionale, se nel Paese di origine esiste, o continua a esistere, la possibilità che venga perseguitato o sottoposto a tortura o a trattamenti inumani e degradanti. Quindi, è vero che l’articolo 7 del ‘Decreto sicurezza’ ha l’ampliato le categorie di reati per i quali è possibile il diniego o la revoca della protezione internazionale, e quindi le categorie di stranieri passibili di un provvedimento di diniego o revoca, ma è anche vero che tale aumento non incide sulla possibilità di respingere tali persone verso lo Stato d’origine o verso un Paese terzo, perché a ciò ostano le norme delle quali la Corte ha interpretato la portata e la validità nella sentenza del 14 maggio. La politica annunciata dal Ministro Salvini e riassunta in un suo recente commento «Comunque io non cambio idea e non cambio la legge: i richiedenti asilo che violentano, rubano e spacciano tornano tutti a casa loro» sarà quindi in contrasto con gli obblighi derivanti all’Italia dal diritto dell’Unione europea.

In forza di questa sentenza, il Decreto Salvini è illegale? E come dovrà essere modificato?

All’adempimento degli obblighi ai quali ho fatto riferimento l’Italia è tenuta in base alla sua legislazione nazionale, soprattutto quella che ha dato attuazione alla Direttiva 2011. In altri termini, i principi ribaditi dalla sentenza della Corte ostano all’attuazione di una politica di respingimenti e rimpatri che violi il principio del non refoulement come interpretato dalla Corte di giustizia.
Le cause di diniego e revoca dello status di rifugiato sono, infatti, regolate rispettivamente dagli articoli 12 e 13 del d. lgs. 251/2007, che l’art. 7 del ‘Decreto sicurezza’ del 2018 ha in parte modificato, aumentando le cause di diniego o revoca in relazione a condanne per altri reati rispetto a quelli originariamente previsti, senza toccare però il divieto di respingere o rimpatriare i rifugiati e richiedenti asilo verso il Paese d’origine o verso un terzo Paese ove permanga il rischio di persecuzione o di sottoposizione a tortura e altri trattamenti inumani e degradanti. Tale divieto è stato espressamente confermato dalla legge 14 luglio 2017, n. 110 sull’introduzione del delitto di tortura nell’ordinamento italiano, che, nella parte in cui modifica l’art. 19 del T.U. sull’immigrazione, specifica quanto segue: «Non sono ammessi il respingimento o l’espulsione o l’estradizione di una persona verso uno Stato qualora esistano fondati motivi di ritenere che essa rischi di essere sottoposta a tortura. Nella valutazione di tali motivi si tiene conto anche dell’esistenza, in tale Stato, di violazioni sistematiche e gravi di diritti umani». Inoltre, la l. Legge n. 47/2017 sulle misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati stabilisce che in nessun caso può disporsi il respingimento alla frontiera di minori stranieri non accompagnati.
Nel caso di provvedimenti di divieto o revoca dello status di rifugiato, e, soprattutto, di respingimento verso Paesi non sicuri, gli interessati hanno a disposizione i rimedi giurisdizionali offerti dal nostro ordinamento giuridico. Il giudice chiamato decidere le relative controversie sarà tenuto, fra l’altro, ad applicare le norme di attuazione della Direttiva 2011/95/UE attenendosi all’interpretazione data dalla sentenza della Corte del 14 maggio 2019. Infatti, la sentenza con la quale la Corte si pronunzia in via pregiudiziale sull’interpretazione o sulla validità di un atto adottato da un’istituzione dell’UE, vincola non solo il giudice nazionale per la definizione della lite principale, ma anche giudici diversi da quelli del rinvio (in qualsiasi Stato membro si trovino a operare, ad es. in Italia). Alle sentenze interpretative va infatti riconosciuto una sostanziale efficacia ‘erga omnes’ e prevalgono sull’eventuale diritto nazionale incompatibile, come hanno affermato la nostra Corte costituzionale, nonché la Suprema Corte.

Per quanto attiene invece agli sbarchi e al relativo ‘blocco dei porti’, come incide questa sentenza?
Per quanto attiene al così detto ‘blocco dei porti’, questa sentenza incide nello stesso senso precisato sopra, in relazione alla violazione di numerosi obblighi internazionali di cui l’Italia è titolare. Il punto essenziale riguarda l’ammissione nel territorio dello Stato dello straniero che chiede lo status di rifugiato, al fine di consentirgli di presentare la richiesta e di soggiornarvi nelle more del relativo accertamento. La Convenzione di Ginevra rinvia, per questi aspetti, alla legislazione del Paese di destinazione e alla procedura da esso stabilita, ma stabilisce al contempo un obbligo di protezione a carico dello Stato al quale il richiedente asilo intende presentare domanda per il riconoscimento dello status di rifugiato. Tale protezione implica l’ammissione temporanea al territorio, al fine di accertare la situazione dei singoli individui, distinguendo tra quanti chiedono lo status di rifugiato e quanti invece chiedono protezione ad altro titolo o si dichiarano migranti economici. Quindi, la politica attuale del Governo italiano contrasta con questo aspetto fondamentale, in quanto la chiusura indiscriminata dei porti e delle frontiere colpisce anche stranieri ai quali si deve riconoscere, tramite atto meramente ricognitivo, lo status di rifugiati. Più in generale, la persona umana, in quanto tale, è protetta dalle convenzioni internazionali che obbligano al salvataggio in mare, come quelle per la salvaguardia della vita in mare (SOLAS, Londra, 1974, ratificata dall’Italia con l. n. 313 del 1980); sulla ricerca e il salvataggio marittimo,  che reca un preciso obbligo di soccorso e assistenza delle persone in mare e il dovere di sbarcare i naufraghi in un porto sicuro (SAR, Amburgo, 1979, ratificata dall’Italia con l. n. 147 del 1989); sul diritto del mare (UNCLOS, Montego Bay 1982, ratificata dall’Italia). Impedire l’ammissione nei porti alle navi che hanno effettuato operazioni di salvataggio equivale a una forma di respingimento collettivo alla frontiera, che è vietato perché prescinde dall’esame delle posizioni individuali (art. 4 della CEDU e relativa giurisprudenza). Ciò vale anche in relazione alle navi straniere. Infatti, è vero che le acque portuali sono, secondo il diritto internazionale, acque interne dello Stato -per cui l’accesso ai porti delle navi straniere è condizionato all’autorizzazione dello Stato costiero-  nondimeno, l’accesso in porto o nelle acque interne deve essere comunque consentito quando è reso necessario per cause di forza maggiore o di estremo pericolo per la nave e per le persone a bordo della stessa, o è imposto dal diritto internazionale dei diritti umani.

E’ corretto ritenere che questa sentenza metta fuori legge l’Italia?

Sulla base delle precedenti risposte risulta chiaro che in realtà, per molti versi, l’Italia è già da considerare ‘fuori legge’ per la sua politica dei respingimenti di richiedenti asilo e per l’abrogazione del permesso umanitario e altri aspetti critici della legislazione recentemente introdotta, sui quali non posso ora soffermarmi. La sentenza, nel precisare la portata delle norme dell’Unione europea, ha chiarito anche quella delle corrispondenti norme nazionali di attuazione. Essa ha reso più evidenti gli elementi critici che portano le politiche italiane in materia di rifugiati a porsi in contrasto con tali obblighi.

I comuni italiani a questo punto dovranno ritenere nulle le disposizioni del Decreto Salvini?

Come ho sottolineato, tocca tutti gli organi dello Stato applicare la normativa nazionale sulla protezione dei rifugiati e richiedenti asilo in conformità agli obblighi di cui l’Italia è titolare in base al diritto internazionale e al diritto dell’Unione europea, ai quali l’articolo 117 della Costituzione riconosce valore prevalente sulla legislazione nazionale. A tali organi spetta anche garantire alle persone cui sia stato negato o revocato lo status di rifugiato il godimento dei diritti previsti dalla Convenzione di Ginevra richiamati dall’articolo 14, par. 6, della Direttiva 2011/95/UE.  

Cosa rischia l’Italia se uno o più rifugiati ai quali è stato negato lo status di rifugiato ricorresse alla Corte UE?

Il rifugiato cui è stato revocato o negato il relativo status, o che è destinatario di provvedimenti di respingimento o rimpatrio, non può ricorrere direttamente alla Corte di giustizia dell’Unione europea, perché tale possibilità è esclusa dal diritto dell’Unione. Si può, però, ricorrere avverso i provvedimenti in oggetto al competente giudice nazionale secondo i rimedi previsti dal nostro ordinamento. All’interno di tali procedimenti potranno essere eventualmente proposte domande alla Corte dell’UE, attraverso il meccanismo del rinvio pregiudiziale, che può essere utilizzato come strumento per far risaltare, a vantaggio dei singoli, l’incompatibilità del diritto nazionale con il diritto dell’UE, oltreché che per ottenere l’interpretazione del suddetto diritto o l’accertamento della sua validità. Si tratta, infatti, di un procedimento ‘giudice a giudice’ analogo al rinvio per il controllo di costituzionalità delle leggi. Andranno escluse domande alle quali la Corte ha già risposto, come quelle di cui alla sentenza del 14 maggio.

Se l’Italia non applicasse la sentenza, in cosa incorrerebbe e in quali tempi?

Applicare la sentenza significa applicare la normativa italiana in modo conforme all’interpretazione con cui la Corte ha chiarito la portata della Direttiva 2011/95/UE soprattutto in materia di provvedimenti di revoca o diniego dello status di rifugiato. Se, nonostante la sentenza, l’Italia procedesse a respingimenti e rimpatri di stranieri rifugiati o richiedenti asilo in contrasto con le norme del suo stesso ordinamento giuridico, oltreché con quelle dell’Unione, compresa la Carta dei diritti fondamentali, e con il diritto internazionale, a livello europeo potrebbe essere avviata dalla Commissione una procedura d’infrazione secondo gli artt. 258-260 del TFUE. La procedura è lunga e complessa; in esito ad essa, lo Stato riconosciuto inadempiente ha l’obbligo di adottare i provvedimenti che l’esecuzione della sentenza comporta, con il rischio di una doppia condanna in caso di mancato adeguamento.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore