domenica, Luglio 21

Midterm: sfida possibile per i democratici alla Camera La tendenza degli ultimi giorni pare confermare l'ottimismo dei democratici: una sfida dura, quella per il controllo della Camera, ma che secondo la gran parte delle proiezioni, è possibile vincere

0

E’ 23 il numero magico per i democratici alle elezioni di midterm  di oggi per quanto riguarda la Camera, la più abbordabile da parte dell’asinello secondo tutti i sondaggi, mentre il Senato resta un quasi miraggio. Con gli americani chiamati a rinnovare, come fanno ogni due anni, l’intera Camera dei rappresentanti, 435 seggi, i democratici devono strappare ai repubblicani almeno 23 seggi per conquistare il controllo della Camera, un traguardo che il partito d’opposizione, a due anni dalla batosta elettorale del 2016, sembra avere a portata di mano.

Secondo il ‘Cook Political Report’, la tendenza degli ultimi giorni pare confermare l’ottimismo dei democratici, dal momento che vi sono più distretti attualmente controllati dai repubblicani che tendono verso i democratici (17 a 2) oppure ancora indecisi (28 ad 1), per quanto la battaglia resti difficile per una serie di varianti. Il campo di battaglia della Camera è più ampio e più sbilanciato che in qualsiasi momento dal 2010, quando i repubblicani hanno conquistato la loro attuale maggioranza. Sempre secondo il ‘Cook Political Report, 75 scontri  sono considerati  ‘competitivi’, tra cui 70 seggi detenuti dal GOP e solo cinque detenuti dai democratici. I giochi non sono assolutamente chiusi considerando che per centrare l’obiettivo, i democratici non solo devono confermare tutti i loro attuali seggi, vincere in tutti i distretti Gop in cui sono dati in testa, ed aggiudicarsi almeno 6 degli indecisi. Le proiezioni di ‘FiveThirtyEight’ appaiono positive per i democratici, le possibilità che controllino la Camera sono valutate all’88%.

La vittoria democratica alla Camera potrebbe essere cruciale per il partito d’opposizione, che non solo potrebbe avviare, come sostiene la sua ala più liberal, la procedura di impeachment di Trump, ma anche paralizzare la sua agenda legislativa. 

Ad animare lablue wave’ – il blu il colore dei democratici, opposto al rosso dei repubblicani – lanciata alla conquista della Camera vi sono soprattutto candidati progressisti, con programmi apertamente di sinistra, con molte donne giovani ed appartenenti alle minoranze.
Il volto simbolo di questo movimento, che affonda le sue radici nella campagna per le primarie di Bernie Sanders e si è rafforzato in questi due anni di ‘resistenza’ a Trump, è sicuramente Alexandria Ocasio-Cortez, attivista che non esita a dichiararsi socialista del Bronx, che ha ottenuto la candidatura sconfiggendo alle primarie Joe Crowley, deputato e uno dei leader del partito.
La vittoria di Ocasio-Cortez è scontata in un distretto ultra democrat di New York e così la 29enne di origine portoricana diventerà la donna più giovane mai eletta al Congresso. Come Deb Haaland appare destinata a diventare la prima donna nativa americana ad arrivare al Congresso, considerano i sondaggi che la danno in testa nel primo distretto del New Mexico, con un programma tutto basato sulla lotta ai cambiamenti climatici, alla siccità e sui programmi per le energie alternative.

La California è uno degli Stati più imortanti in questo scontro democratici-repubblicani. Quasi 20 milioni (19,7 milioni) di californiani si sono registrati per votare alle elezioni di meta’ mandato. Per la California si tratta di un record assoluto. Il dato supera di 1,9 milioni i registrati per le analoghe elezioni di metà mandato del 2014, secondo i media locali. Il numero dei registrati rappresenta anche il 78% dei 25,2 milioni di potenziali elettori della California.

Ecco alcune delle sfide più importanti nei diversi Distretti, per i quali le proiezioni in tempo reale sono realizzate da ‘FiveThirtyEight’.

DISTRETTO N.10 CALIFORNIA: Josh Harder (D) – Jeff Denham  (R)
Il repubblicano in carica, Jeff Denham, è un veterano dell’aviazione e oggi imprenditore nel settore della plastica. Lo sfidante è Josh Harder, che insegna nel college locale e ha tra i cavalli di battaglia la proposta di estendere l’assistenza sanitaria a tutti.

DISTRETTO N.25 CALIFORNIA. Katie Hill (D) – Steve Knight (R)
La democratica è Katie Hill, trentenne a capo di una no profit che si occupa di senzatetto. Ha avuto l’endorsement dell’ex presidente Barack Obama e del sindaco di Los Angeles Eric Garcetti. Dall’altro lato c’è il congressman in carica Steve Knight, repubblicano, veterano dell’aviazione militare ed ex poliziotto.

DISTRETTO N.39 CALIFORNIA. Gil Cisneros (D) – Young Kim (R)
Distretto benestante, con il 40% dei residenti in possesso di una laurea. Gil Cisneros, democratico, ex dirigente della Frito-Lay, azienda che commercia patatine, nel 2010 vinse un jackpot da 266 milioni di dollari. La candidata repubblicana è Young Kim, di origini coreane.

DISTRETTO N.45 CALIFORNIA. KATIE PORTER (D) – Mimi Walters (R)
Nel 2016 Hillary Clinton ha vinto di 5 punti in questo seggio. La repubblicana Mimi Walters ha già in attivo due mandati. Katie Porter insegna legge ed ha dalla sua parte l’endorsement di due grandi leader democratiche come Kamala Harris e Elizabeth Warren.

DISTRETTO N.48 CALIFORNIA. Harley Rouda (D) Dana Rohrabacher (R)
Il repubblicano in campo è Dana Rohrabacher, congressman in carica, noto lobbista vicino a Mosca, amico del Presidente russo Vladimir Putin. Lo sfidante è Harley Rouda, avvocato e businessman. 

DISTRETTO N.15 FLORIDA. Kristen Carlson  (D) – Ross Spano (R)
Kristen Carlson è un ex procuratrice. Ross Spano, avvocato, e’ in carica nello Stato dal 2012. La battaglia è un testa a testa.

DISTRETTO N.26 FLORIDA. Debbie Mucarsel-Powell  (D) – Carlos Carlos Curbelo (R)
Oltre il 70% della popolazione è composto da latini. Hillary Clinton vinse con uno scarto di 16 punti. Carlos Carlos Curbelo, congressman repubblicano in carica da due mandati, ha avversato la politica di separazione delle famiglie di immigrati ai confini voluta dall’amministrazione Trump. La sfidante democratica Debbie Mucarsel-Powell ha origini ecuadoriane, viene dal settore no profit. Si impegna a combattere per una riforma del sistema legato al possesso e all’utilizzo di armi da fuoco.

DISTRETTO N.14 ILLINOIS. Lauren Underwood (D) – Randy Hultgren (R)
Il repubblicano Randy Hultgren è stato eletto per la prima volta nel 2010. Nel 2016 Trump superò Clinton di 4 punti in Illinois. La sfidante Lauren Underwood è afroamericana ed è stata una consulente del Ministero della Salute durante la presidenza Obama.

DISTRETTO N.3 IOWA. Cindy Axne (D) – David Young (R)
Axne è una piccola imprenditrice. David Young, in carica, è stato eletto nel 2014. Distretto molto competitivo perchè Trump vinse di tre punti nel 2016, Obama di 4 nel 2012.

DISTRETTO N.2 KANSAS. Paul Davis (D) –  Steve Watkins (R)
Nel 2016 Trump conquisto’ il distretto con 18 punti di vantaggio. Si sfidano l’ex leader di minoranza della Camera statale Paul Davis e l’ex militare ed ingegnere repubblicano Steve Watkins.

DISTRETTO N.6  KENTUCKY. A Amy McGrath (D) – Andy  Barr (R)
Distretto vinto da Trump per 15 punti nel 2016. Il repubblicano Barr è il congressman in carica che cercherà di battere la democratica Amy McGrath, ex pilota della marina militare, prima donna in missione su un F-18.

DISTREèO N.2 . Jared Golden (D) – Bruce Poliquin (R)
Bruce Poliquin, in carica, è un esperto di finanza. Il suo avversario democratico Jared Golden, ex militare, è membro della Camera dello stato. Nel 2016 Trump conquistò questo distretto di 10 punti percentuali. 

DISTRETTO N.8 MICHIGAN. Elissa Slotkin (D) – Mike Bishop (R)
Il repubblicano Mike Bishop, in carica, è un politico di vecchia data. La sfidante democratica è Elissa Slotkin, ex analista della Cia e funzionaria del Ministero della Difesa esperta nel settore intelligence durante l’amministrazione Obama.

DISTRETTO N.1 MINNESOTA. Dan Feehan  (D) – Jim Hagedorn (R)
Il democratico Dan Feehan ha 36 anni, è un veterano ed è stato un funzionario del Pentagono ai tempi di Obama. In campo repubblicano c’è Jim Hagedorn, figlio di un deputato che prova la corsa per la quarta volta.

DISTRETTO N.3 NEW JERSEY. Andy Kim (D) – Tom MacArthur (R)
Il repubblicano Tom MacArthur, in carica, affonterà il democratico Andy Kim, ex funzionario dell’amministrazione Obama esperto in sicurezza nazionale.

DISTRETTO N.7 NEW JERSEY. T.MALINOWSKI (D) – Leonard Lance (R)
Leonard Lance, repubblicano, è in carica dal 2008. Lo sfidante Tom Malinowksi viene dall’amministrazione Obama ed è stato assistente segretario di Stato con delega a democrazia, diritti umani e lavoro.

DISTRETTO N.2 NEW MEXICO. Xochitl Torres Small (D) – Yvette Herrell (R)
In corsa due donne, la democratica Xochitl Torres Small e la repubblicana Yvette Herrell. La vincitrice scriverà la storia, diventando la prima deputata del distretto ad arrivare alla Camera.

DISTRETTO N.19 NEW YORK. Antonio Delgado  (D) –  John Faso (R)
John Faso è il repubblicano in carica. Ha votato contro la riforma delle tasse volute dal suo partito. Lo sfidante è Antonio Delgado, avvocato quarantunenne, criticato dal suo avversario per aver una volta ‘rappato’ contro capitalismo e razzismo.

DISTRETTO N.22 NEW YORK. Anthony Brindisi (D) – Claudia Tenney (R)
Claudia Tenney, repubblicana trumpiana in carica, affronta lo sfidante democratico e moderato Anthony Brindisi, trentanove anni. Il distretto è bianco al 90%. Trump vinse di 15 punti.

 DISTRETTO N.9 NORTH CAROLINA. Dan McCready (D) – Mark Harris (R)
I repubblicani mettono in campo il pastore ultraconservatore Mark Harris, noto per i suoi sforzi contro i matrimoni gay. Per i democratici c’è il veterano 35enne Dan McCready.

DISTRETTO N.13 NORTH CAROLINA. Kathy Manning (D) – Ted Budd (R)
Il repubblicano in carica Ted Budd, eletto nel 2016, dovrà difendere la sua posizione dall’imprenditrice e filantropa democratica Kathy Manning.

DISTRETTO N.12 OHIO. Danny O’Connor (D) – Troy Balderson (R)
La sfida è tra il repubblicano Troy Balderson, appoggiato dal Presidente Trump, e il democratico 32enne Danny O’Connor.

DISTRETTO N.1 PENNSYLVANIA. Scott Wallace (D) – Troy Balderson (R)
Il repubblicano in carica Brian Fitzpatrick dovrà affrontare il democratico Scott Wallace. Il distretto nel 2016 votò per Hillary Clinton.

DISTRETTO N.7 TEXAS.  Lizzie Fletcher (D) – John Culberson (R)
Si tratta del distretto di George W. Bush. John Culberson è il repubblicano in carica, noto per lo scetticismo sul cambiamento climatico. Lo sfida la 43enne Lizzie Fletcher.

DISTRETTO N.32 TEXAS. Colin Allred (D) – Pete Sessions (R)
Il repubblicano in carica è Pete Sessions. A sfidarlo Colin Allred, democratico, ex giocatore di football professionista.

DISTRETTO N.4 UTAH. Ben McAdams (D) – Mia Love (R)
La repubblicana in carica è Mia Love, 42 anni, afroamericana di origini haitiane e mormona. E’ l’unica repubblicana del Congressional Black Caucus. Lo sfidante, anche lui mormone, è il 43enne Ben McAdams, 43 anni, sindaco di Salt Lake.

DISTRETTO N.2 VIRGINIA. Elaine Luria (D) –  Scott Taylor (R)
Scott Taylor, repubblicano, un ex Navy Seal, è attualmente in carica. La sfidante democratica è Elaine Luria, anche lei ex militare, oggi piccola imprenditrice.

DISTRETTO N.7 VIRGINIA. Abigail Spanberger (D) – Dave Brat (R)
Dave Brat, repubblicano in carica, è un conservatore membro del Freedom Caucus. Lo sfida Abigail Spanberger una ex agente della Cia passata alla politica.

DISTRETTO N.8 WASHINGTON. Kim Schrier (D) – Dino Rossi (R)
In corsa ci sono la democratica Kim Schrier, pediatra e outsider, e il repubblicano Dino Rossi, in passato Senatore dello Stato.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore