sabato, Giugno 6

Messico: poliziotti armati a protezione delle tartarughe marine Come garantire la sopravvivenza di una specie sempre più a rischio di estinzione?

0

Nel corso dell’ estate appena trascorsa, erano giunte dal Messico bellissime immagini che ritraevano la spiaggia ‘La Escobilla’ affollata da numerose tartarughe. Forse più di 150mila per deporre 15milioni di uova. 

A distanza di qualche mese, le autorità messicane hanno predisposto, come si vede nel video, la vigilanza armate da parte di un ufficiale della polizia federale così da proteggere le tartarughe marine e i loro nidi. La salvaguardia delle tartarughe marine sta divenendo sempre più centrale in quanto minacciate dalle reti da pesca, dagli incidenti con le eliche delle barche, dalla distruzione degli habitat degli esseri umani, dai cambiamenti climatici e dall’ ingerimento della plastica. La loro sopravvivenza è messa a repentaglio anche per la loro carne e per le loro uova.

Sette le specie che vivono negli Oceani: la tartaruga embricata, la Caretta caretta, la tartaruga olivacea, la tartaruga liuto, la tartaruga verde che vive anche nel Mar Mediterraneo, la tartaruga a dorso piatto e la tartaruga di Kemp. A rendere tutto più complicato, il fatto che le tartarughe marine hanno un ritmo di crescita lentissimo e solo dopo decenni raggiungono la capacità di riprodursi.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore