mercoledì, Agosto 12

Messico, ecco la prima indigena candidata alle presidenziali 2018

0

Gli indigeni in Messico sono pronti a lanciarsi nell’agone politico. A 23 anni dall’insurrezione zapatista in Chiapas, i nativi cercano nuovo spazio rappresentativo. Il Consiglio nazionale indigeno ha deciso di presentare un candidato alle presidenziali 2018. La scelta degli 840 delegati di oltre sessanta popoli, riuniti a San Cristóbal, è ricaduta su María de Jesús Patricio Martínez.

«Noi non puntiamo ai voti, ma alla ricostituzione dei nostri popoli», ha detto la Patricio Martinez, guaritrice tradizionale, originaria della comunità indigena di Tuxpan: «Combatteremo per la vita e la vita comprende terra, territorio, acqua. Vogliamo recuperare ciò che ci è stato preso».

Alla riunione ha partecipato anche il leader storico, il subcomandante Marcos che, dal 2014, ha assunto il nome di Maestro Galeano. La scelta di partecipare alla competizione è un modo per riaccendere i riflettori sulla condizione degli indigeni in Messico: infatti il 79% di questi vive in povertà, condizione che ormai non è più accettabile.

Ora servirà raccogliere almeno un milione di firme per poterla effettivamente candidare alla corsa come indipendente. Un fatto tutt’altro che scontato: lo zapatismo è forte nel sud del Paese ma ha poco sostegno nel resto del Messico.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.