martedì, Marzo 19

Marocco – UE: approvato l’accordo sulla pesca Esso stabilisce le condizioni d’accesso per la flotta da pesca europea in un quadro di pesca sostenibile

0

Con 415 voti favorevoli, 189 contrari e 49 astenuti su 653 eurodeputati presenti alla seduta plenaria del martedì 12 febbraio, il Parlamento europeo ha approvato il nuovo accordo sulla pesca tra il Marocco e l’Unione Europea che include il Sahara Marocchino, accordo che ora sarà al vaglio dei parlamentari del Regno.

Esso stabilisce le condizioni d’accesso per la flotta da pesca europea in un quadro di pesca sostenibile, e segue quello recente che interessa il settore dell’agricoltura, il quale prevede agevolazioni tariffarie per i prodotti provenienti dalle province meridionali del Marocco.

L’accordo interessa la zona di pesca che si estende dal 35mo parallelo fino al 22mo, cioè da Capo Spartel nel nord del Marocco fino al capo Bianco nel sud del Regno, e precisa, tra l’altro, le zone di pesca e le condizioni d’accesso per la flotta europea, con un aumento della contropartita finanziaria che passerà da una media annuale di 40 milioni di euro a 52,2 milioni (+30%).

L’accordo comprende anche disposizioni che mirano a portare vantaggi per le popolazioni locali nonché a preservare le risorse alieutiche e la tutela dell’ambiente del mareSoddisfatto il ministero marocchino degli Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), perché, come viene spiegato in una nota, «questi strumenti giuridici coprono la regione del Sahara Marocchino e confermano che il Regno del Marocco è l’unico ad essere deputato giuridicamente, nel quadro dell’esercizio della sua sovranità, a negoziare e firmare accordi che includono il Sahara Marocchino». Ha quindi aggiunto che «dopo l’adozione nel mese scorso dell’accordo agricolo, il voto viene a confermare il legame che intercorre fra il Marocco e l’Unione Europea, un partenariato bilaterale che esclude manovre politiche condotte dall’Algeria e dal Polisario».

Secondo MAECI, l’approvazione costituisce l’incoronazione di un processo di negoziati tecnici, di convalide giuridiche e di concertazioni politiche tra il Marocco e l’UE in un clima di serenità, di fiducia e di responsabilità, un processo per preservare i fondamentali dell’integrità territoriale, gli interessi economici del Regno ed il partenariato storico multidimensionale tra le due parti.

Esprimendo soddisfazione per il risultato, il Gruppo Europarlamentare d’amicizia Ue – Marocco ha comunicato che «il voto positivo consolida di nuovo l’eccellenza delle relazioni tra l’Europa ed il Regno del Marocco» e che «quest’accordo è a beneficio prima di tutto delle popolazioni del Sahara. Garantisce 45mila posti di lavoro diretti ed indiretti nelle esportazioni del settore della pesca nel Sahara. Rafforzare questo settore vale a dire rafforzare l’offerta di lavoro a Boujdour, Dakhla e a Laayoune, i principali porti del Sahara. Quest’accordo è dunque una potente leva di sviluppo economico del settore della pesca in Sahara. Occorre ricordare che i pescatori europei sono altresì beneficiari di quest’accordo. Le 128 navi autorizzate a pescare sono infatti senza attività dal 14 luglio 2018. Queste navi potranno tornare pescare e fare rivivere un’industria indispensabile per la salvaguardia dell’occupazione di questo settore in Europa, soprattutto in Spagna, in Portogallo ed in Francia».

Nella stessa giornata del voto sull’accordo di pesca Marocco – UE, la Corte di Giustizia dell’Unione europea (CGUE) ha annunciato il rigetto di un ricorso dei separatisti Polisario basato a Tindouf in Algeria, che tentava di annullare il mandato assegnato nell’aprile scorso al Consiglio dell’UE per negoziare l’accordo sulla pesca con il Marocco. La CGUE, oltre a giudicare irricevibile la domanda del Polisario che riteneva che il Consiglio dell’UE non dovesse negoziare un accordo con il Marocco che include le acque del Sahara Marocchino, lo ha condannato di pagare non solo le sue spese (spese processuali), ma anche quelle impegnate dal Consiglio dell’UE e la Commissione europea in questa procedura.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore