giovedì, Dicembre 12

Marocco – Spagna: un legame sempre più forte Durante la visita di Re Felipe VI e la Regina Dona Letizia di Spagna, sono stati firmati ben 11 convenzioni di cooperazione

0

Il Re Felipe VI e la Regina Dona Letizia di Spagna hanno effettuato una visita ufficiale al Regno del Marocco, il 13 e 14 febbraio 2019, su invito del Re Mohammed VI che insieme alla popolazione della capitale Rabat hanno riservato un calorosissimo ricevimento alla coppia reale spagnola, come espressione di legami forti tra Marocco e Spagna. In questa occasione, sono stati colloqui ufficiali tra i due capi di Stato e hanno, poi, presieduto la cerimonia di firma di ben 11 convenzioni di cooperazione tra i due Paesi

La firma di questi accordi di alto livello riflette la profondità e la qualità delle relazioni bilaterali, grazie alla volontà comune dei due Sovrani, il Re Mohammed VI e il Re Don Felipe VI, nel consolidare che unisce i due paesi vicini ed amici.

La cerimonia della firma si è svolta in presenza del Principe Ereditario Moulay El Hassan, il Principe Moulay Rachid, il capo e membri del governo, i presidenti delle due Camere del Parlamento marocchino, i Consiglieri del Re Mohammed VI e in presenza della delegazione ufficiale che ha accompagnato il Re Felipe VI composta dai ministri degli Esteri; Interni; Industria, Commercio Turismo; Agricoltura e de la Pesca; Cultura e Sport; il Capo della Casa Reale e l’ambasciatore spagnolo a Rabat.

Gli accordi firmati da parte di rispettivi responsabili governativi sono: un memorandum d’intesa che stabilisce un partenariato strategico bilaterale multidimensionale; un protocollo della donazione irrevocabile del Grand Théâtre Cervantes di Tangeri; un accordo della cooperazione di lotta contro la criminalità e il terrorismo; un memorandum d’intesa per stabilire un partenariato strategico in materia d’energia; memorandum d’intesa per sviluppare la terza interconnessione elettrica Marocco – Spagna; memorandum d’intesa tra la Fondazione Nazionale dei Musei (Marocco) ed il ministero spagnolo della Cultura e dello Sport per la cooperazione in materia di musei; memorandum d’intesa tra la Fondazione Nazionale dei Musei ed il Museo nazionale Centro d’arte Reina Sofía (Spagna), per l’organizzazione di un’esposizione a Madrid; memorandum d’intesa tra gli Archivi Reali (Marocco) ed il Patrimonio nazionale del Regno di Spagna, per l’organizzazione al Palazzo Reale a Madrid un’esposizione sulle collezioni Reali dei due paesi; memorandum di collaborazione avanzata per l’attuazione del dispositivo di facilitazione dei flussi del commercio e dei passeggeri al livello dello stretto di Gibilterra; memorandum d’intesa tra Royal Air Maroc (RAM) ed IBERIA Airlines; memorandum d’intesa per l’assistenza e la cooperazione tra l’Autorità Marocchina dei Mercati di Capitali (AMMC) e la Commissione Nazionale del Mercato dei Valori (CNMV – Spagna).

Il memorandum d’intesa del partenariato strategico bilaterale multidimensionale ha come obiettivo principale il rinforzo del dialogo permanente e della cooperazione concreta e reciprocamente proficua tra i due Paesi.

La via maestra di questo partenariato è centrata sulla sovranità, l’unità nazionale e l’integrità territoriale, il regolamento pacifico delle vertenze, l’amicizia ed il buon vicinato, l’uguaglianza, il rispetto reciproco, il dialogo e la cooperazione paritaria ed il rispetto della legalità internazionale.

Questo partenariato si articola su tre principali sfere d’azione: il dialogo politico e della sicurezza; il dialogo economico; ed il dialogo culturale, educativo ed umano.

Nel dialogo politico e della sicurezza, il documento prevede l’istituzione di un Consiglio del partenariato strategico globale, presieduto dai ministri degli Esteri dei due Paesi, e che realizzerà un quadro per il mantenimento di dialogo politico permanente su tutte le questioni bilaterali come la cooperazione nei settori della sicurezza, militari, parlamentari, migrazione; la concertazione sulle questioni regionali e multilaterali oltre al coordinamento per rafforzare le relazioni privilegiate tra Marocco e Unione europea (UE).

Per il dialogo economico, un gruppo d’impulso economico sarà stabilito per il consolidamento delle relazioni economiche, commerciali e d’investimento, l’incremento del progetto di collegamento fisso attraverso lo Stretto di Gibilterra, l’ottimizzazione della cooperazione economica e finanziaria, il rafforzamento della coordinazione nell’ambito degli istituti finanziari, economici ed internazionali; la promozione di una cooperazione tripartita reciprocamente proficua con i partner africani.

C’è poi la lotta all’immigrazione clandestina, importantissima per Madrid che appoggia il progetto di costruzione di diverse fabbriche nella parte interna del Marocco proposto dal re Mohammed VI.

Nel quadro del dialogo culturale, educativo ed umano, Marocco e Spagna si impegnano ad fissare la riflessione nella promozione culturale e la cooperazione nei settori dell’istruzione, formazione, ricerca scientifica e tecnologica; e per confortare legami umani e culturali tra i popoli marocchino e spagnolo, in particolare tra i giovani, la facilitazione della mobilità tra i due paesi, ed il consolidamento dei contatti tra la società civile, mass media e giornalisti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore