sabato, Agosto 24

Mario Pappagallo, ‘L’uomo delle cose giuste’ Su ‘L’Indro’ da lunedì 6 agosto (2018) Gabriele Della Rovere con il ‘romanzo biografico e quasi autobiografico’ del formidabile raccontatore in musica, con tutte le sue principali canzoni

0

E’ stato qualche settimana fa, scrivendo il pezzo ‘Governo, Interno e Inferno’ del 13 giugno 2018 per ‘L’Indro’, che continuava il precedente ‘Venghino, signori venghino’: digitando quella frase idiomatica su di un motore di ricerca per verificare se altro di analogo ed interessante fosse stato scritto, ho scoperto l’esistenza di una canzone con il medesimo titolo, ed il suo autore, Mario Pappagallo. Simile per certi versi, nelle radici, a Giorgio Gaber o Enzo Jannacci ed al loro ‘Teatro-Canzone’, però assolutamente originale, oltre che di nascita ed insediamento romano con tutto quello che comporta. Scoprendo contemporaneamente la sua vasta produzione narrativa in musica, scoprendo un ‘fratello’ d’elezione, scoprendo anche che Mario Pappagallo aveva avuto la cattiva idea di ‘andarsene’ due anni fa, nel 2016, dopo aver fatto di tutto per evitare il prematuro e ingiusto epilogo. Come se un impresario sadico ti interrompesse lo spettacolo all’inizio del terzo, e più interessante, atto.

(Peraltro avevo forse invece vago, precedente, ricordo di lui, che di mestiere quotidiano faceva il giornalista. Ma nonostante questo era riuscito a mantenersi una persona perbene, e di animo talmente delicato da aver fatto sempre credere alla madre di guadagnarsi il pane facendo il pianista in un bordello, giusto per non sconvolgere il suo alto concetto di moralità e dignità sociale. E giornalista di sport minori, quelli dove non girano tanti soldi per gli atleti e conseguentemente neppure per i giornalisti, dimostrazione di una passione vera cui si era dedicato anche con la creazione del CSEN, il ‘Centro Sportivo Educativo Nazionale’ di cui era – permetteteci: ‘è’ – Presidente. E giornalista è pure il figlio Emilio, cui anche ha dedicato una canzone nel suo abituale stile, profondo, ironico e urticante. E chissà cosa avrà dovuto inventarsi il giovane Pappagallo per nascondere in famiglia che proseguiva sulla cattiva strada già intrapresa dal padre. Peraltro Pappagallo, nel senso nuovamente di Mario, una narrazione in musica l’ha realizzata pure per l’altro virgulto, la figlia Elena, composta quando scoprì che stava per renderlo nonno. Tant’è, ‘Mario’, o ‘Pappagallo’, chiamiamolo come vogliamo o volete, continua ad essere tra noi anche con le sue formidabili canzoni, i semi e i frutti delle sue attività, oltre che con il ‘Gruppo FacebookMario Pappagallo Fan Club’  per lui creato. Anche se immaginiamo la sua reazione nei confronti di chiunque, pur con le migliori intenzioni e nella fattispecie pure realizzazioni, si fosse definito o si definisca suo ‘Fan’).  

Messo a parte l’amico e sodale Gabriele Della Rovere della scoperta straordinaria (letteralmente: proprio al di fuori dell’ordinario), se ne è lui pure appassionato. E ha deciso di dedicargli, a partire dall’imminente lunedì 6 agosto 2018, ‘L’uomo delle cose giuste’, ‘romanzo biografico e quasi autobiografico’. Con il titolo ricreato a partire da una sua canzone simbolo ‘Il Paese delle cose giuste’. Ripercorrendone in ogni puntata quotidiana la creatività attraverso una sua canzone, e l’intreccio con il resto dell’attività e con quanto succedeva e succede nel mondo, e nel mondo dei sentimenti da lui pure, a modo suo ma proprio suo, ampiamente trattato. Gabriele Della Rovere oltre che di oltre mille articoli ed interventi per ‘L’Indroquotidiano digitale, (e tanto altro per e con tanti altri), è già stato autore, nell’agosto 2015, sempre per ‘L’Indro’ dopo aver fatto parzialmente ‘esordire’ la sua eroina sul mensile ‘La Piazzadella Provincia, di ‘Elena Bardotti Bugli, la donna che per prima scoprì il seno’ (romanzo in venti puntate e una coda). Successivamente di ‘Lidemo’.  

E allora a voi, e a chi vorrà aiutarci ad arricchire la sua storia sotto ogni punto di vista, le narrazioni in musica e non solo di Mario Pappagallo, ‘L’uomo delle cose giuste’. E, volendo, pure delle ‘cause’ giuste.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’