lunedì, Ottobre 21

Mario Pappagallo: ‘Il piromane’ che ci aiuta a capire ‘Dove andremo a finire’ Mario Pappagallo, ‘l’uomo delle cose giuste’. Romanzo biografico e quasi autobiografico / 11

0

Il Titolo evidenziato di ogni Canzone, o Monologo, è il link (Video o Audio) all’esecuzione di Mario Pappagallo. Non occorrerebbe specificarlo, ma…

«Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire…» sostiene Mario Pappagallo, e proprio perché non ha «Niente da dire» ci dice tantissimo. Lui, ‘Il piromane’.

«Quanti pensieri nella mia testa, qualcuno passa qualcuno resta, e resta sempre il più balordo, con me non vado mai d’accordo. O per parlare chiaramente mi sto sul cazzo veramente. E giuro che non mi sopporto, io mi vorrei vedere morto.

Non mi fido più delle mie promesse, e non farlo tu, tanto son le stesse. Mantenerle poi non mi è mai possibile, sono un bastardo incorreggibile. Sto pensando a te che mi dai fiducia, e non vedi che la mia casa brucia. Sto pensando a te, così bella e giovane, sto pensando a me, il piromane.

Io faccio in modo che ogni cosa, anche la più meravigliosa, giorno per giorno si disperda, ma che carattere di merda. Sono anni che cerco di cambiare, e mi chiedo se ce la posso fare. Non succede mai, non mi fare prediche, non vado in chiesa le domeniche. Vattene se puoi, questo è il mio destino, non ce n’è per noi legna nel camino. Non ti scalderà, così bella e giovane, ti distruggerà, il piromane.

Nella tua testa quanti pensieri, li hai mascherati da pompieri. Ma questo credi serve a poco, io tutto quanto mando a fuoco. Asseconderò un malvagio genio, e ti manderò dritta al Sant’Eugenio, non donarmi mai espressioni tenere, dopo di me non c’è che cenere.

Resta come sei, così bella e giovane, lascia stare me, il piromane».

E, per l’appunto, ci aiuta a capire ‘Dove andremo a finire’.

«Il cameriere non vuol più la mancia perché ci tiene alla sua dignità, e Don Giovanni ha messo un po’ di pancia, di lui nessuno s’innamorerà. Il bersagliere fuori allenamento, è da tre mesi che non corre più, e l’alpinista che fu disattento, dal marciapiedi cadde a faccia in giù.

Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire. Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire.

Ed il mafioso con la delazione si è guadagnato la sua impunità e l’hanno messo sotto protezione, gli hanno cambiato generalità. Lo stupratore pure si è pentito col voto eterno della castità. E quel ragazzo docile e compito che uccise i suoi e non provò pietà.

Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire. Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire.

Il sacerdote con la sua sottana che quando cadde il cielo bestemmiò, e quel bastardo figlio di puttana che gentilmente lo risollevò. E l’avvocato, Principe del Foro, che si confuse, che s’impappinò, ed i giurati risero tra loro dell’innocente che per lui pagò.

Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire. Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire.

E tu davanti a questi mutamenti rimani immobile e non cambierai, farai massacro dei miei sentimenti e disperato mi abbandonerai, magari offrendo ad altri a buon mercato un po’ d’amore e di felicità. Io penso a noi, a ciò che non è stato e soprattutto a che succederà.

Ma… Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire. Non ho niente da dire, che fatica capire dove andremo a finire».

Per seguire e approfondire l’’epopea’ di Mario Pappagallo:

A / ‘Mario Pappagallo Fan Club’ Gruppo Facebook

B / Indice delle Canzoni di Mario Pappagallo, a cura di Alessandro Scoccia Pappagallo

Mario Pappagallo, ‘l’uomo delle cose giuste’, Romanzo biografico e quasi autobiografico’, giunge al termine della ‘Parte prima’. Incentrato sulle sue Canzoni e Monologhi (ma non solo), dai Titoli evidenziati all’interno di ogni ‘Capitolo’ si va a Video e Audio delle esecuzioni originali. Che è quello che veramente vale la pena. A seguire l’Indice (sinora) di questo tentativo di ricostruzione di testo e contesto, vita opere e non episodici miracoli di Mario Pappagallo. Finisce così questa mia relazione, ringrazio di avermi prestato attenzione…

 

11 / (Fine della Parte prima)

 

Per approfondimenti, contributi e contatti

gabriele.dellarovere@lindro.it

 

CAPITOLI

PRESENTAZIONE / Mario Pappagallo, ‘L’uomo delle cose giuste’  venerdì 3 agosto 2018

1 / Mario Pappagallo alla ricerca de ‘Il Paese delle cose giuste’  lunedì 6 agosto 2018

2 / Mario Pappagallo, ‘Venghino Signori venghino’  martedì 7 agosto 2018

3 / Mario Pappagallo alle prese con ‘Gli altri’ e ‘La fauna umana’  mercoledì 8 agosto 2018

4 / ‘Buona fortuna’ Mario Pappagallo, amico mio giovedì 9 agosto 2018

5 / ‘Avanti donne’ con Mario Pappagallo venerdì 10 agosto 2018

6 / ’Se ti vedesse Botticelli’ di Mario Pappagallo (e ‘Le donne che verranno‘)  lunedì 13 agosto 2018

7 / Mario Pappagallo verso ‘Il Paese delle cose giuste’, destreggiandosi tra ‘Gli altri’ e ‘La fauna umana’ lunedì 20 agosto 2018

8 / Mario Pappagallo, ‘Il ciarlatano’  martedì 21 agosto 2018

9 / Mario Pappagallo, ‘Facciamo finta che…’  mercoledì 22 agosto 2018  

10 / Mario Pappagallo e la romantica poesia della sua ‘Canzone da osteria’ giovedì 23 agosto 2018

11 / Mario Pappagallo: ‘Il piromane’ che ci aiuta a capire ‘Dove andremo a finire’   venerdì 24 agosto 2018

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore