venerdì, Luglio 10

Mar Cinese, gli scontri politici minacciano la sicurezza Le dispute territoriali nel Mar cinese e le conseguenze sulla sicurezza marittima, ne parliamo con Francesco Tosato Analista Affari Militari del CESI

0

Lo scorso 6 gennaio si è verificato nel Mare cinese orientale lo scontro tra la CF Crystal, un cargo diretto verso il porto cinese di Guangdong, e la Sanchi petroliera di proprietà della National Iran Tanker Co. Una collisione che ha portato all’affondamento della petroliera iraniana, alla morte dell’intero equipaggio e al disastro ambientale, legato al trasporto marittimo di idrocarburi, più grave degli ultimi 25 anni. L’attenzione è subito stata indirizzata alla sicurezza della navigazione su queste rotte e all’impegno che i Governi dei Paesi limitrofi, dedicano alla prevenzione degli incidenti marittimi.

Attualmente le Nazioni Unite supportano nell’area due piani d’azione volti al coordinamento e alla prevenzione di incidenti marittimi. Uno è il progetto COBSEA (Coordinating Body on the Seas of East Asia) che nell’area del Mar Cinese orientale e meridionale si occupa del coordinamento di 9 Paesi ed ha come obiettivo primario la protezione dell’ambiente marino dagli effetti delle attività umane. L’altro è il Piano d’Azione per la Protezione, Management e Sviluppo dei mari e delle cose del Pacifico Nord-Occidentale, di cui fanno parte Russia, Cina, Giappone e Corea del Sud. Ogni Paese ha il dovere di garantire un piano d’azione e delle risorse atte ad affrontare qualsiasi problema derivante dallo sversamento in mare di idrocarburi. Nonostante questo, gli attori interessati nella collisione, si sono dimostrati incapaci nell’affrontare la gestione della sicurezza marittima ed i problemi correlati alla sicurezza ambientale. Richard Steiner, scienziato marino e professore in pensione dell’Università dell’Alaska ha affermato che: «il Governo cinese non ha attuato un programma di monitoraggio ambientale completo per determinare quale danno nello specifico si è verificato». In parte ha giocato un ruolo importante anche la frammentazione geopolitica del quadro asiatico, lo scontro politico nel Mar cinese tra Cina, Giappone e corea del sud ha a suo modo, un peso sulla mancanza di sicurezza. Ne parliamo con Francesco Tosato Analista Affari Militari del CESI.

Come viene gestita la sicurezza marittima nel Mare Cinese relativamente al trasporto merci?

Attualmente diciamo che il Mar Cinese è una rotta importante, però in questa fase è caratterizzata da delle dispute territoriali che più che andare ad interessare le SLOC (Sea lines of communication), che sono fondamentalmente aperte quindi non rappresentano un problema, vanno ad interessare la parte dello sfruttamento delle risorse locali presenti, in particolare la pesca e le risorse idrocarburiche. Oltre ovviamente al possesso di quelli che sono gli atolli che consentono di esercitare un controllo di sicurezza nell’area. Sono proprio questi il tema delle attuali dispute, cioè la proprietà delle isole, degli atolli, e della circostante zona economica esclusiva per poterne poi sfruttare tutti i benefici. L’unico problema di sicurezza marittima che esiste si trova molto più in basso, nello stretto di Malacca, che è un’area attraversata da fenomeni di pirateria e che quindi viene normalmente pattugliata sia dagli stati rivieraschi e poi anche da unità della marina militare americana che contribuiscono a garantire la sicurezza relativa ai trasporti marittimi nelle Sea lines of communication. Però in questo momento il problema che attanaglia il Mar Cinese meridionale non è quello della sicurezza relativa al trasporto merci, bensì quello della competizione geopolitica per il controllo degli atolli e conseguentemente quello di esercitare poi il controllo sulle linee di comunicazione marittime.

Ci sono delle collaborazioni in atto tra Cina e Giappone volte a gestire la sicurezza nel Mare Cinese?

No, Cina e Giappone sono su due sponde completamente opposte, in quanto il Giappone in questo momento spalleggia le rivendicazioni dei Paesi rivieraschi, in particolare di Filippine e Vietnam al fine di permettere a questi Paesi soprattutto di incrementare le proprie capacità  di guardia costiera per far si che siano in grado di difendere le proprie acque territoriali dalle incursioni e dalle rivendicazioni cinesi. La Cina considera il Mar Cinese meridionale in gran parte di sua proprietà e quindi si pone come l’unico Paese che ha il diritto di esercitare il controllo sovrano su parte delle aree del Mar Cinese meridionale. Quindi non vuole assolutamente interferenze giapponesi in quell’area.

Qual è oggi il livello di pericolosità, relativamente al trasporto merci, nel Mare cinese?

Quelle sono aree molto congestionate dal punto di vista dei trasporti navali, aree interessate da grandi livelli di traffico. Gli incidenti possono accadere fanno purtroppo parte della statistica, ma più che altro si può lavorare in termini di incrementare le capacità di soccorso dei Paesi rivieraschi, come già stanno facendo il Vietnam, le Filippine, e lo stanno facendo più in un’ottica di poter garantire un’effettivo controllo su quella che considerano la loro zona economica esclusiva. Se io considero una cosa mia e la rivendico devo anche essere in grado di esercitare all’interno di quell’area tutte le attività connesse, tra cui anche il soccorso in caso di incidente e la capacità di poter pattugliare quelle acque. Nel complesso però non possiamo parlare di una situazione degradata dal punto di vista della sicurezza marittima nel concetto di safety. Certo si può sempre fare di meglio in relazione a quelle che sono  le capacità che ogni Stato può esprimere ma è in atto un potenziamento di quelli che sono gli assetti di guardia costiera nell’area. In futuro visti i trend economici di sviluppo, è pensabile che la situazione migliori anche dal punto di vista della capacità di fornire soccorso se necessario.

Visualizzando 1 di 2
Visualizzando 1 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore