giovedì, Giugno 4

Manchester e la lunga scia di attentati che hanno colpito l’Europa

0

Quello di Manchester è il peggiore attacco terroristico su suolo britannico dal 7 luglio del 2005, quando a Londra quattro bombe piazzate da Al Qaeda su bus e metro uccisero 56 persone e ne ferirono 700.  Ma l’attentato di Manchester è soprattutto il tredicesimo attentato compiuto in Europa dall’8 gennaio 2015, ossia dalla strage di Charlie Hebdo.

A subire attacchi terroristici furono poi Copenaghen e Villejuif, in Francia, ma nessuno si aspettava quello che sarebbe successo nel novembre del 2015 quando, sempre a Parigi, a muoversi furono diversi elementi dello Stato Islamico, che colpirono allo Stade de France  e in alcuni punti del centro, compreso il teatro Bataclan. Morirono 130 persone e fu il peggior attacco terroristico della storia della Francia.

Poi ecco arrivare un altro attentato nel cuore dell’Europa, l’attacco a Bruxelles, all’aeroporto e a una stazione della metropolitana. Poi gli attentati, la maggior parte dei quali rivendicati dallo Stato Islamico, cominciarono a cambiare progressivamente forma. La strage sul lungomare di Nizza nel giorno dell’anniversario della presa della Bastiglia fu il primo nel quale fu usata un’arma non sofisticata, così come a Berlino. In generale, dal gennaio 2015 a oggi, cinque attentati terroristici compiuti in Europa hanno coinvolto uomini armati, in quattro sono stati usati dei veicoli come arma, mentre in tre sono stati impiegati degli esplosivi.

E c’è il timore che l’Isis passi ad azioni ancor più forti. A dirlo il direttore generale dell’Opac, Ahmet Uzumcu all’Ansa: «Le indagini condotte in Iraq e Siria dimostrano che l’Isis è stato in grado di produrre e usare gas mostarda, con sostanze di bassa qualità e rudimentali, ma è stato comunque capace di farlo. I foreign fighters che combattono con l’Isis potrebbero tornare nei loro paesi d’origine, in Europa o altrove, e tentare di usare questo tipo di armi. Un rischio che viene preso molto sul serio da molti Paesi e credo che dovrebbe essere preso sul serio da tutti».

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.