sabato, Agosto 24

Macron, tra riforme e tentativi di aumentare la popolarità Il consenso è crollato di 13 punti in un mese, al 41%, mentre quello del premier Philippe è al 39%

0

E’ un Emmanuel Macron pronto a tutto quello che nelle ultime settimane sta cercando di aumentare la propria popolarità, in Francia e all’estero. In forte calo nei sondaggi, sembra davvero giunto ad un bivio. Il consenso è crollato di 13 punti in un mese, al 41%, mentre quello del premier Philippe, che ne ha persi 8, è al 39%. A dirlo è l’istituto Kantar Sofres-OnePoint per ‘Le Figaro Magazine‘.

E di sicuro la riforma del mercato del lavoro sarà un bel banco di prova. Il premier Edouard Philippe e il ministro del Lavoro, Muriel Penicaud, hanno illustrato alle parti sociali il nuovo Codice, che punta a dare più flessibilità alle imprese, con Macron che parla di ‘trasformazione profonda e ambiziosa’. Il presidente francese ha detto che la riforma del lavoro impiegherà tra i 18 e i 24 mesi per dare risultati: «Deve essere ambiziosa ed efficace per continuare a far scendere la disoccupazione diffusa in modo che non si debba tornare ad affrontare questo tema durante il quinquennio».

Certo è che per Macron il campo è davvero minato, visto che la riforma è fallita tante volte prima di lui. «Non è all’altezza della modernizzazione delle relazioni sociali in un Paese moderno», tuona però già il leader del sindacato francese Cfdt, Laurent Berger. E se questi sono gli inizi, per Macron si fa già dura.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.