martedì, Settembre 29

Macedonia e le proteste per il cambio di nome Per anni i governi greci hanno chiesto a quelli macedoni di promuovere un cambio di nome, perché questo è anche il nome di una regione che si trova nel nord della Grecia

0

Migliaia di persone hanno manifestato a Skopje per protestare contro un cambio di nome della Macedonia, nell’ambito del negoziato per risolvere la lunga disputa con la Grecia. I manifestanti hanno chiesto a gran voce ‘la difesa del nome e l’identità della nazione’.

In un’intervista al ‘Financial Times‘,  il premier Zoran Zaev sostiene che le richieste di cambiamenti della Costituzione, con i quali il Paese si dovrebbe impegnare a non accampare diritti sul territorio della Grecia, rischiano di far saltare un eventuale accordo. «Ora la Grecia ci chiede di cambiare la nostra Costituzione», ha detto Zaev, «ma la Costituzione è il libro delle nostre leggi e non possono arrivare richieste dall’esterno. In ogni caso il cambiamento della Costituzione non sarebbe una garanzia definitiva, perché in futuro un nuovo governo potrebbe cambiarla di nuovo».

Per anni i governi greci hanno chiesto a quelli macedoni di promuovere un cambio di nome, perché Macedonia è anche il nome di una regione che si trova nel nord della Grecia. E secondo il governo di Atene, usare quel nome era percepito come una minaccia di pretese sulla regione greca sua omonima. Le proposte fatte, e anticipate a ‘Reuters‘, sono: Repubblica della Macedonia settentrionale, Repubblica dell’Alta Macedonia, Repubblica della Vardar Macedonia e Repubblica di Macedonia (Skopje).

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore