venerdì, Ottobre 18

Londra tra arte ed architettura Scopriamo la metropoli britannica, uno dei pochi luoghi del Pianeta dove antico e moderno si sposano in una sola linea

0

Londra, la Capitale del Regno Unito, ogni giorno attira migliaia di visitatori. Qui lungo il Tamigi e all’ombra del Big Beng, è possibile scegliere una serie illimitata di itinerari diversi: Arte statica o performing-arts, esposizioni museali, percorsi culinari, itinerari in bici nei suoi parchi, la Londra Massonica (fino ad arrivare al tour di Jack lo Squartatore), sono solo alcuni esempi. Agli amanti dell’arte urbana contemporanea, lasciamo qui di seguito il link a quest’articolo pubblicato sul magazine di Expedia Explore, sulle orme dei capolavori più influenti di Bansky. Noi di ‘L’Indro‘ invece, vi aiutiamo a scoprire anche qualcosa di insolito e differente.

5 esempi di architettura contemporanea da non perdere a Londra 

  1. The Gherkin: un grattacielo unico nel suo genere situato al 30 St Mary Axe, è un progetto di Foster & Partners che prende il nome di ‘gherkin‘ perché molto simile ad un cetriolo. Da tempo è diventato il simbolo internazionale dell’architettura sostenibile e contemporanea. ‘The Building Design‘, rivista settoriale, lo identifica come il più importante monumento del ventunesimo secolo.  Ben 41 piani, 180 metri di altezza, con un piano speciale con un bar e un ristorante per una vista a 360 gradi sulla metropoli. 
  2. London Eye:  pensata e studiata da Marks Barfield Architects 2000, si tratta della ruota panoramica più alta del mondo. London Eye è situata sulla riva sud del Tamigi tra il Ponte di Westminster e l’Hungerford Bridge.
  3. Millenium Bridge: progettato da Foster & Partners è bello da ammirare, infatti è bene ricorda la sua peculiarità architettorica: 8 cavi di sostegno sono tesi sotto il livello del piano di camminamento lungo ben 325 metri che arriva alla  arriva alla Tate Gallery.  
  4. The Shard di Renzo Piano è da vedere. Si tratta del grattacielo più alto di Londra, interamente ricoperto di pannelli di vetro. Armonia perfetta per una struttura che segna in modo magistrale lo skyline della metropoli britannica. Per ammirare The Shard, ovver ola scheggia, basterà scendere alla fermata London Bridge.
  5. Malaysia Square a Battersea è progettata da Studio BIG di Bjarke Ingels, differente dal solito ha una forma che deriva dal movimento dei flussi umani. Si parte da un sotterraneo che sembra scavare nella roccia. Una armonia tra contesto e paesaggio di esempio perchè ispirata alla Malesia. 

3 dimore storiche a Londra 

Londra è costellata di dimore storiche e nobiliari, qui l’architettura e le linee sono tese al lusso estremo, si tratta di palazzi di altri secoli con una storia tutta da raccontare. Non può mancare qualche tappa degna di un libro di storia dell’arte. 

  1. Kensington Palace: palazzo storico per eccellenza, antica e lussuosa dimora. La si nota passeggiando attraverso Hyde Park, oggi residenza ufficiale di William e Kate ma un tempo dimora abituale della dolce e bella Lady Diana
  2. Dicken’s House è la casa di uno degli scrittori londinesi per eccellenza. Quella di Dickens, è qui che è stato scritto il noto testo Oliver Twist ed anche Il circolo Pickwick.  Una casa in puro stile britannico da ammirare al civico 48 di Doughty Street.  
  3. Dennis Severs House la si può ammirare al 18 di Folgate Street. Si tratta di un palazzotto settecentesco che nell’ultimo secolo ha ospitato Dennis Servers. E’ interessante da vedere e al suo interno conserva un repertorio di pezzi d’antiquariato di livello. 

Musei d’arte a Londra: perdersi nel bello

A Londra si ha la sensazione di perdersi nella bellezza in particolare si ci si dedica a scoprire luoghi d’arte e storia, architettura e linee, progetti e sogni di chi ha vissuto o vive sospeso tra creatività e realtà. Nella metropoli britannica ci sono tantissimi musei da ammirare e scoprire. 

  • South London Gallery è una particolare galleria d’arte nota per la sua atmosfera accogliente e coinvolgente. Qui si possono osservare opere e lavori di Tracey Emin, Antony Gormley e Gillian Wearing. E’ di per sé un luogo molto tranquillo con un bar dove poter assaporare una torta londinese ed una buona tazza di te. 
  • Wallace Collection è la collezione d’arte bella per eccellenza. Tantissimi dipinti, mobili, sculture e armi del XVIII e XIX secolo, un tempo appartenuta a Lady Wallace e dal 1897 liberamente fruibile. Della collezione fanno parte quadri di Rembrandt, Tiziano e Hals. Persino la location è qualcosa di meravigliosamente bello, un mix tra un antico mood romantico ed uno sfarzoso lusso londinese dell’upper class. 
  • Royal Academy of Arts voluta nel 1768 da Giorgio III è ancora oggi una delle gallerie d’arte più note al mondo. Mostre d’arte contemporanea e collezioni sono fruibili gratuitamente: il tema della galleria è molto particolare ed è da vedere per poter capire la bellezza luminosa dell’arte di oggi. 

Se queste sono delle piccole note per arricchire un viaggio a Londra, c’è da dire quanto sia bella e profondamente curiosa da scoprire la metropoli britannica, uno dei pochi luoghi del Pianeta dove antico e moderno si sposano in una sola linea. 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore