sabato, Settembre 19

Londra: è il fenomeno Stato Islamico

0
1 2


Oggi tale minaccia è in Europa; una minaccia, in parte endogena (attaccanti dal passaporto europeo) e in parte esogena (capace di muoversi lungo le direttrici migratorie ‘mediterranea’ e ‘balcanica’) che ci dimostra non solamente l’adozione, lo sviluppo e l’adattamento di tecniche offensive di guerra in quello che possiamo definire ‘teatro operativo urbano europeo‘, in primis le tecniche dei commando suicidi e dei ‘team-raid’ tattici, ma anche lo sviluppo di azioni emulative, non coordinate, grossolane, ma non per questo meno efficaci, almeno sul piano dell’attenzione mediatica e di quel messaggio di terrore che va ad incidere con grande efficacia su una percezione di insicurezza sempre più crescente all’interno dell’opinione pubblica europea.

Sono azioniautonome‘ e ‘ispirate‘, dove la capacità attrattiva ed emulativa è in grado di spingere uomini (e donne) a commettere individualmente azioni violente con un livello di organizzazione minimale, dai risultati operativi poco significativi ma in grado di ottenere un’attenzione mediatica elevata; conseguendo dunque una forma di successo attraverso la diffusione mass-mediatica dell’informazione.
È sufficiente osservare i trend degli attacchi e delle azioni violente degli ultimi due anni in Europa. Dopo un attacco in grado di attrarre l’attenzione mediatica seguono altre azioni, in genere proprio individuali, non organizzate, improvvisate.

E il ‘fenomeno Stato islamico‘, sintesi di esaltazione ideologica e violenza portate all’estremo, recluta ora queisoggetti tipo‘, marginali e psicologicamente instabili, di cui si è accennato; è questo il bacino di reclutamento delNuovo Terrorismo Insurrezionale‘ (NITNew Insurrectional Terrorism) di matrice jihadista: è la capacità di reclutare tali soggetti a fare la differenza trasformandoli inarmi intelligenti a tempo‘, ‘armi di prossimità‘ capaci di adeguarsi alla mutabilità della situazione. In questo modo lo Stato Islamico è riuscito a trasformare la propria natura dastatale‘ (in fase di dissoluzione) a fenomeno ideologico e identitario, sempre più svincolato da un riferimento geografico, di orientamento globale e finalizzato alla condotta di operazioni di natura autonoma, emulativa, spontanea, puntiforme.

Dobbiamo aspettarci altri eventi simili? Sì.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore