domenica, Novembre 29

Lobby Report: Erdogan a caccia degli ultimi scampoli A Washington: Erdogan ha paura di Biden e sta cercando di ottenere alcune concessioni dell'ultimo minuto dall'Amministrazione Trump, mentre il contratto più danaroso è russo e la farmaceutica italiana si sta muovendo

0

Ogni anno governi, società e individui di tutto il mondo spendono mezzo miliardo di dollari per fare pressioni per i loro interessi geopolitici negli Stati Uniti.
Foreign Lobby Report’, il nostro partner a Washington, esamina dozzine di documenti pubblici ogni settimana per produrre il registro più completo delle campagne di influenza straniera ovunque.

Ecco di seguito i titoli principali della settimana appena trascorsa.

Il consigliere di Trump 2016 fa pressioni per il ‘custode dei segreti’ di Erdogan

Con Joe Biden favorito per vincere le elezioni del 2020, alcuni lobbisti vicini a Donald Trump si stanno trovando, contro ogni previsione, molto richiesti.
La scorsa settimana
uno dei consiglieri della campagna 2016 di Trump si è registrato come agente straniero per uno stretto confidente del Presidente Recep Tayyip Erdogan conosciuto per essere uno dei ‘custodi dei segreti’ del leader turco a Washington.
Gli osservatori della Turchia ipotizzano che
Erdogan stia cercando di ottenere alcune concessioni dell’ultimo minuto dall’Amministrazione prima che una nuova leadership possa prendere il sopravvento.
Con la Turchia di fronte alla minaccia di sanzioni per l’acquisto di sistemi di difesa aerea russi, è abbastanza normale che Erdogan cerchi di usare tutto il tempo che gli resta per risolvere i problemi aperti.

E’ russo il contratto di influenza più danaroso di settembre 2020

Foreign Lobby Report esamina ogni mese tutti gli ultimi documenti di lobbying per dare ai Lettori un quadro completo degli sforzi di influenza straniera.

Il contratto da 5,2 milioni di dollari di un’agenzia di stampa russa con una società di Washington per la produzione di contenuti per la piattaforma multimediale Sputnik ha dominato la spesadell’influenza straniera a Washington il mese scorso, secondo l‘analisi dei documenti depositati presso il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti a settembre.

Il Governo della Costa d’Avorio ha ottenuto il secondo posto con un accordoda 300.000 dollari firmato dall’ufficio del Presidente Alassane Ouattara invista delle controverse elezioni di fine mese.

E il Ministero del Petrolio del Sud Sudan ha firmato un accordo da280.500 dollari con una società di comunicazioni di New York per aiutare a rimuovere le sanzioni contro l’industria petrolifera vitale del Paese.

L‘enclave separatista del Nagorno-Karabakh in Azerbaigian è a fuoco, il Governo armeno ha assunto l’ex senatore Bob Dole(R-Kansas) dello studio legale Alston & Bird, in vista dei colloqui strategici bilaterali a Washington alla fine del mese.

I contendenti elettorali della Costa d’Avorio lanciano una guerra di lobbismo negli Stati Uniti

Un’aspra disputa elettorale nella capitale mondiale del cacao si è diffusa a Washington: il Presidente in carica e il suo principale sfidante lanciano campagne di lobbying per il sostegno degli Stati Uniti. L’ufficio del Presidente della Costa d’Avorio Alassane Ouattara ha assunto una società di lobbying di Washington per $ 300.000 per ottenere aiuto in relazione alle relazioni del governo con gli Stati Unitie altri Paesi anglofoni rilevanti’.
Il contratto di tre mesi arriva mentre gli avversari di Ouattara protestano per la sua decisione di candidarsi per un terzo mandato di cinque anni alle elezioni del 31 ottobre.
Mentre i critici del Governo scendono in piazza nel Paese dell’Africa occidentale,
anche gli oppositori di Ouattara si stanno mobilitando negli Stati Uniti, con il gruppo denominato Democracy Cote d’Ivoire, vicino all’ex PresidenteHenri Konan Bedie, principale rivale di Ouattara nelle elezioni.

L’industria del fosfato marocchina lancia l’offensiva lobbistica negli Stati Uniti

L’industria dei fertilizzanti fosfatici del Marocco sta lanciando un’offensiva di pubbliche relazioni negli Stati Uniti contro le accuse di sussidi governativi illegali.
OCP North America, la controllata con sede a New York del gruppo statale OCP al 95%, ha lanciato una campagna di pubbliche relazioni per quanto riguarda le indagini sui dazi compensativi da parte del Governo degli Stati Uniti.

OCP è il più grande esportatore mondiale di fosfato grezzo, la maggior parte del quale proviene dal territorio conteso del Sahara occidentale, con 9,9 milioni di tonnellate di esportazioni di fertilizzanti nel 2019.La società ha detto a Reuters che potrebbe porre fine alle sue esportazioni statunitensi, che ammontavano a $ 729 milioni lo scorso anno, se vengono imposti dazi.

La farmaceutica italiana si dà da fare: Chiesi Farmaceutici in pista

La controllata americana della società farmaceutica italiana Chiesi Farmaceuticiha registratoun braccio di lobbying in-house. Gina Cioffi Loud, Senior Manager per gli affari pubblici per le malattie rare globali, farà pressioni sulle ‘questioni relative alle malattie rare e ultra rare, compreso il monitoraggio delle politiche normative e legislative’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore

Julian Pecquet is the founder and editor of Foreign Lobby Report, the comprehensive news site tracking foreign influence operations in Washington. Prior to launching the site on June 1, 2020, Julian was a reporter and editor for Middle East news site Al-Monitor for six years. There he initiated lobbying coverage that won national awards from the Online News Association and the Society of American Business Editors and Writers (SABEW). Before that he was a Global Affairs reporter for The Hill and a newspaper reporter in Florida for many years. Contact him at jpecquet@foreignlobby.com or on Twitter @JulianPecquet