martedì, Ottobre 20

L’ingegnoso ‘Jugaad’: in India il risolutore di problemi che ama inventare India, lì dove l'inventore dalla grande generosità crea e vende per aiutare la comunità

0

India: «Mi piace risolvere risolvere i problemi». Così si racconta l’indiano Uddhab Bharali, uomo di famiglia ed inventore. Parla con un grosso sorriso davanti alle telecamere dell’emittente ‘BBC News‘, spiegando perché si è ritrovato ad inventare oggetti e a venderli.

«Mi piace far sì che le persone si sentano un po’ più a loro agio con loro stesse, più indipendenti». Questo lo ha spinto a creare e vendere oggetti, un’attività di cui è orgoglioso e che porta avanti da più di 30 anni. All’origine della sua grande idea, però, una drammatica storia: quella della sua famiglia, divorata dai debiti.

Quest’uomo vuole semplicemente aiutare le persone a stare meglio. Così, Baharali ha creato più di 140 oggetti, molti dei quali sono stati venduti con successo sul mercato internazionale. Alcuni, hanno anche vinto dei premi. E’ noto in India per le sue creazioni a supporto dell’agricoltura, ma non solo.

Le sue creazioni più note sono quelle pensate ad aiutare le persone colpite da disabilità. Il Governo indiano non supporta economicamente in maniera sufficiente questi soggetti, e così, lo fa lui. Molte delle sue invenzioni sono a costo zero, poiché usa solamente materiali grezzi che trova in natura.

In Hindi si usa il termine ‘jugaad‘, un’invenzione ingegnosa. Jaideep Prabhu dell’Università di  Cambridge ha scritto un libro a proposito, credendo che ciò che fa Baharali sia un’ottima idea per inspirare le persone ad innovare. Questo accade perché non richiede più di quanto ogni uomo ha già dentro. «L’intero progetto è pensato per trovare i problemi che ti circondano nella tua comunità, problemi che affliggono persone come te, ed attingere a risorse a cui hai accesso per risolvere quegli stessi problemi».

Quello che è ancor più certo è che quello di Uddhab Bharali è un ottimo esempio di di innovazione, di intuizione e di grande generosità.

http://www.bbc.com/news/business-41680677

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.